Helsinki non esiste

Angela Merkel è nata nel 1954 ad Amburgo nella Germania dell’Ovest. Angela per i primi 39 anni della sua vita difficilmente avrebbe potuto credere che gli Stati Uniti d’America e l’Unione Sovietica (attualmente Federazione Russa) avrebbero mai potuto avere un incontro ufficiale e di rilevanza internazionale che si basasse sulla diplomazia, la trasparenza, il buon vicinato, e una prospettiva di futura collaborazione. Ancora oggi, a dirla tutta, probabilmente ci crede poco. Continue reading “Helsinki non esiste”

Lo stupro della notizia

Da qualche giorno si parla molto di una sentenza della Cassazione su un caso di stupro commesso nel 2009 a opera di due cinquantenni, rei di aver violentato la ragazza che era a cena con loro dopo che questa aveva bevuto tanto da non riuscire ad autodeterminarsi. I due erano stati assolti in primo grado del gip di Brescia, nel 2011, perché la donna non era stata riconosciuta attendibile. Ma la Corte d’Appello di Torino a gennaio 2017 aveva valutato diversamente il referto del pronto soccorso, che evidenziava leggeri segni di resistenza, e condannato i due uomini a tre anni. Continue reading “Lo stupro della notizia”

Il civico 21

Al civico 21 di via Mariano d’Amelio a Palermo ora c’è un albero. Da ventisei anni è spontaneamente diventato un simbolo, grazie ai cittadini e ai passanti, mai lì per caso, che lo allestiscono con dediche, doni o pensieri. Sì, perché al civico 21 di via d’Amelio esattamente ventisei anni fa era appena sceso dalla macchina Paolo Borsellino, andato a trovare sua madre come da tradizione della domenica con al seguito, come sempre, la sua scorta. Continue reading “Il civico 21”

Dialetto nelle scuole? Se po fa’!

Negli ultimi anni si susseguite diverse iniziative scolastiche e culturali per il recupero e l’insegnamento delle varietà dialettali in molte regioni della Penisola: citiamo a scopo esemplificativo, perché la più recente, quella dell’introduzione dell’insegnamento del dialetto siciliano nelle scuole della regione.

Ma è educativamente produttivo affiancare l’insegnamento di una varietà dialettale a quella della lingua nazionale? Per rispondere a questa domanda bisogna prima prendere in considerazione la situazione linguistica italiana. Continue reading “Dialetto nelle scuole? Se po fa’!”