Tag: Università

Numero chiuso per l’accesso a medicina e specializzazione: i fatti, le proposte (serie)

Da bambino volevo giocare in NBA. Era il grande sogno della mia infanzia. Non passai i provini. Fu una tragedia per me. E davanti a simile dramma, i sogni di un piccolo bambino sognatore in frantumi, non ho visto nessuno indignarsi.

Forse non mi ero allenato abbastanza, forse non ero in forma, forse ero troppo teso, forse ero troppo basso.
O, anche se fa male dirlo, forse semplicemente non ero abbastanza bravo. Non vogliamo dire che non sono stato bravo abbastanza? Allora diciamo che magari lo ero, bravo abbastanza, ma non ho reso abbastanza.
Ecco, non ho reso abbastanza.
Ma forse non è stata nemmeno colpa mia: è colpa dei Lakers. Son loro che hanno scelto per il provino degli esercizi che non esaltavano le mie qualità di palleggiatore e hanno invece messo in evidenza le mie lacune come tiratore.
Resta il fatto che niente. I Lakers hanno detto no. Continue reading “Numero chiuso per l’accesso a medicina e specializzazione: i fatti, le proposte (serie)”

La maledizione del primo ottobre

Pensaci. Meno di un mese fa stavi al mare. E non è “meno di un mese” tanto per dire: soltanto 29 giorni fa eri a bagnomaria in Salento. Meno di un mese fa faceva così caldo che Frodo e Sam si sono affacciati sull’orlo della tua stanza per gettarvi un anello, c’era chi si professava condizionatorista e i ghiacciai dell’Antartide non sarebbero bastati per rinfrescare un solo Martini. Continue reading “La maledizione del primo ottobre”

Studiamo per diventare medici, e invece diventiamo pazienti

Mi son imbattuto ieri nell’intervista a Benedetto Saraceno.

“Oggi la psichiatria non è più, come è stata per anni nel nostro Paese, la disciplina medica più sensibile alla dimensione sociale dell’intervento. Anzi, sempre più si è trincerata nel modello biomedico, che come suo corollario ha l’egemonia della psicofarmacologia. Tant’è che oggi è più frequente incontrare oncologi, diabetologi, pediatri con forte orientamento alla medicina di comunità piuttosto che giovani psichiatri. Eppure innumerevoli evidenze indicano come le condizioni sociali di vita influiscano sulla salute mentale, sulle probabilità di ammalarsi, sul decorso e sugli esiti delle sofferenze. È venuto il tempo di riavviare un pensiero e una formazione su questi temi.”

Continue reading “Studiamo per diventare medici, e invece diventiamo pazienti”

Anche noi (studenti) abbiamo una “carta” che ci difende

Sono rimasta del tutto basita quando tra i miei colleghi ho nominato Lo statuto degli studentie sono stata vista come una costituzionalista ai tempi del 1948.
Non pensavo che i miei compagni non  avessero minimamente idea che esiste una carta, che ha valore giuridico e che è pronta a difenderci. Continue reading “Anche noi (studenti) abbiamo una “carta” che ci difende”

Macron e riforme: chiudiamo le porte alle università?

Da quando il presidente Macron ha preso in mano il paese le riforme che sono state applicate sono state tante: da una parte possiamo notare un governo attivo e pronto a riformare il paese, che non si addormenta su poltrone senza attuare politiche che possono essere considerate necessarie, ma allo stesso tempo il vento liberista non sta portando le migliori soluzioni che uno stato come la Francia sperava.

Continue reading “Macron e riforme: chiudiamo le porte alle università?”