Tag: Politica

Incontro con dei giovani eritrei in viaggio verso l’Inghilterra

Mio padre è quel che si suol dire un pendolare, cioè una persona che prende il treno tutti i giorni per arrivare al lavoro. In una torrida giornata di luglio, mentre era in treno per raggiungere Liegi, i suoi occhi hanno incrociato lo sguardo di quattro giovani migranti intenti a dirigersi in fondo al treno per nascondersi dal controllore. Qualche decina di minuti più tardi, mentre il controllore tornava dal portello nel quale si erano nascosti i giovani, mio padre lo vide tirar fuori il suo telefono; volendo evitare che il controllore avvisasse la polizia della ferrovia, mio padre pagò i biglietti dei quattro migranti a patto che il controllore chiudesse la sua chiamata.

Continue reading “Incontro con dei giovani eritrei in viaggio verso l’Inghilterra”

Ministro, perché quella faccetta nera?

Se dovessimo andare a pensare ad un motivetto o una canzone emblema del ventennio fascista del Bel Paese, la prima cosa che ci ritroveremmo a canticchiare sarebbe la celeberrima melodia di Faccetta Nera. Neanche a pensare, proprio a canticchiare. Dite quello che volete, è un motivetto che prende. Continue reading “Ministro, perché quella faccetta nera?”

Il razzismo è una cosa seria

“Non credo ci sia un allarme razzismo, si sta usando questo argomento perché chi vuole sentirsi di sinistra, e non lo è più, lo usa per accusare Matteo Salvini di essere di estrema destra”. Queste sono state le parole di Luigi Di Maio, vicepresidente del consiglio dei ministri, in risposta ai recenti episodi di razzismo e al comportamento non esattamente istituzionale del Ministro dell’Interno.

Continue reading “Il razzismo è una cosa seria”

A proposito del commercio equosolidale

280px-Flag_of_France.svg

 

 

 

Oggi quasi tutti, almeno una volta nella nostra vita, abbiamo sentito parlare di commercio equosolidale, ma in cosa consiste esattamente? Di seguito proponiamo la definizione del sito Artisandumonde.org: “Il commercio equosolidale è una collaborazione commerciale basata sul dialogo, la trasparenza e il rispetto: il suo obiettivo è di raggiungere una maggiore equità nel commercio mondiale”. A differenza del commercio classico, quello equosolidale si impegna a rispettare tanto il produttore quanto il consumatore, tenendo in conto i bisogni del primo e riconoscendogli la giusta retribuzione per i suoi sforzi e garantendo al secondo la qualità dei prodotti. Di fatti, questo fenomeno si è diffuso quasi dappertutto a partire dai primi anni del 2000, non solo in Francia ma anche nel resto del mondo: ciò perché i consumatori cercano prodotti di miglior qualità e allo stesso tempo vogliono impegnarsi per un atto di solidarietà verso popoli che vivono dall’altra parte del mondo. Continue reading “A proposito del commercio equosolidale”

Gli occhi di cemento

Gli occhi di questa storia non sono ovviamente i miei, ma più passa il tempo e più mi rendo conto di quanto sia importante captare ciò che gli occhi dei tuoi amici hanno ormai chiaro in mente.
In particolare modo, ciò che i tuoi amici adesso conoscono, e che tu non hai nemmeno la possibilità di immaginare.
M.C. è prima di tutto un amico, che ha deciso di raccontarci in poche righe cosa può voler dire veramente, avere il cemento davanti.
La sua è stata una missione, una sfida con se stesso, unesperienza formativa che lhanno portato a stare nei Territori Occupati Palestinesi (come definisce lui stesso) per circa tre mesi.

Continue reading “Gli occhi di cemento”