Tag: Migranti

Un piano Marshall per l’Africa

I governanti di oggi sono convinti di dover compiere scelte epocali dettate dai “tempi interessanti” che stiamo attraversando, e che queste scelte garantiranno loro un posto nei libri di storia. Questo impeto li porta a dare nomi altisonanti ai provvedimenti che prendono, e l’ultimo esempio di ciò è l’utilizzo della forma “Piano Marshall” per qualunque questione risulti essere anche minimamente problematica. In attesa del “Piano Marshall per macchine in seconda fila” o problemi analoghi, solo negli ultimi due anni in Italia si è parlato di “Piano Marshall per i giovani”, di “Piano Marshall per le buche” a Roma (qui non del tutto a sproposito) e ultimamente, a causa della crisi dei migranti, di “Piano Marshall per l’Africa”. Per quanto sia facile da dire e rassicurante, al momento non esiste nulla di fattuale e ci sono buoni motivi di pensare che non ci sarà per un bel po’. Continue reading “Un piano Marshall per l’Africa”

Incontro con dei giovani eritrei in viaggio verso l’Inghilterra

Mio padre è quel che si suol dire un pendolare, cioè una persona che prende il treno tutti i giorni per arrivare al lavoro. In una torrida giornata di luglio, mentre era in treno per raggiungere Liegi, i suoi occhi hanno incrociato lo sguardo di quattro giovani migranti intenti a dirigersi in fondo al treno per nascondersi dal controllore. Qualche decina di minuti più tardi, mentre il controllore tornava dal portello nel quale si erano nascosti i giovani, mio padre lo vide tirar fuori il suo telefono; volendo evitare che il controllore avvisasse la polizia della ferrovia, mio padre pagò i biglietti dei quattro migranti a patto che il controllore chiudesse la sua chiamata.

Continue reading “Incontro con dei giovani eritrei in viaggio verso l’Inghilterra”

Josefa

04.00 di notte

L’immagine è questa: una donna immobile su una barella, mani incrociate sull’addome, sguardo ancora fisso in alto. Io percepisco il fiato trattenuto, la confusione e la paura, riesco a vedere solo questo e con me molti altri. Il popolo di Facebook, il popolino, probabilmente zoomando la foto così da non dover fare i conti con quel viso, vede un paio di mani smaltate. Quello che accade dopo ormai lo abbiamo letto tutti e in ordine mi ha provocato preoccupazione, rabbia, disgusto e tristezza, ho avuto un brivido, poi per un momento ho pensato di dover vomitare. Solo pochi giorni fa mi ero attentamente dedicata alla lettura di un articolo illeggibile che assolutamente non spiegava perché il ritrovamento di una donna in mare da ore accanto ad altri due corpi morti sarebbe stata un falso, ma aveva la presunzione di dirlo. Da stamattina giornali e telegiornali sono tappezzati di titoli, articoli ed interviste per spiegare il motivo di quelle unghie rosse. Prima si mostrano le foto della donna in acqua per sottolineare come non avesse lo smalto al momento del salvataggio, poi si smentiscono le bufale che ormai continuano a girare da ore, infine alcuni spiegano che lo smalto le è stato messo dopo dai volontari per darle uno spiraglio di leggerezza. Continue reading “Josefa”

Aquarius

L’articolo 10 della nostra Costituzione recita: “L’ordinamento giuridico italiano si conforma alle norme del diritto internazionale generalmente riconosciute”. I membri dell’attuale governo conosceranno alla perfezione queste parole, essendo loro dei grandi difensori dei valori costituzionali di questa Repubblica. L’articolo continua così: “La condizione giuridica dello straniero è regolata dalla legge in conformità delle norme e dei trattati internazionali”. Qualcosa comincia a scricchiolare, non è vero?

Continue reading “Aquarius”

Io non ho paura

Proviamo a immaginare di essere entrati in coma circa una settimana fa. La situazione era quella dell’incontro tra Mattarella e Conte, con quest’ultimo pronto ad accettare l’incarico da presidente del Consiglio e proporre i Ministri. Poi andiamo in coma e ci svegliamo oggi, martedì 5 giugno 2018. Fino a qui tutto bene.

Continue reading “Io non ho paura”