Tag: Berlino

1000 km in bici in solitaria – episodio 5

280px-Flag_of_France.svg

KM 470

 

 

L’avventura continua: riparto da Hadsund la domenica mattina del 17 giugno, ovvero il mio sesto giorno di viaggio. La tappa della sera precedente è stata la prima nella quale ho mostrato segni di debolezza, la prima a mettere in discussione – in modo legittimo – la mia capacità di raggiungere la destinazione finale. Nonostante tutto la mia determinazione cresce giorno dopo giorno; sono al nord-est della Danimarca e continuo la mia rotta verso sud sin dall’alba. L’inizio della giornata sembra però destinato a perdersi negli stessi meandri della sera prima, alla stregua del mio senso dell’orientamento : tutto ciò mi fa perdere del tempo. Stavolta però mantengo il pieno controllo del mio spirito. Le strade danesi si susseguono l’una uguale all’altra, così come i paesaggi: tanto carini quanto bucolici, questo è sicuro, ma non di certo meno monotoni.

Continue reading “1000 km in bici in solitaria – episodio 5”

1000 km in bici in solitaria – episodio 4

280px-Flag_of_France.svg

KM 350 – KM 680

 

È venerdì 15 giugno il giorno in cui metto fine alla mia avventura norvegese, avventura che non avrei mai immaginato potesse insegnarmi così tanto in soli sei mesi; la sua fine ne dà un’illustrazione magistrale.

Mi ci sono voluti appena quattro giorni per raggiungere la punta sud della Norvegia, da cui poi ho preso la nave per la Danimarca. Seduto davanti ad un pessimo piatto di hamburger con patatine fritte, servito dalla mensa del traghetto, guardo il continente dove ho trascorso gli ultimi sei mesi allontanarsi  attraverso l’oblò.

Seguendo i cliché tipici di queste situazioni, faccio il bilancio di quello che è stato il mio viaggio sino a questo momento: ho percorso 350 km ed il seguito della mia avventura d’ora in avanti sarà in un altro Paese.

Trovo tutto questo incredibile, quattro giorni prima non avrei pensato di poter eseguire una performance di questo livello. Ma non per questo credo di arrivare a Berlino così facilmente, anzi, la prima tappa nella pianura, la sera precedente, mi ha fatto dubitare delle strade danesi e tedesche. In serata il traghetto attracca a Hirtshals, nel nord della Danimarca.

Continue reading “1000 km in bici in solitaria – episodio 4”

Humboldt Forum: una storia coloniale nel 21esimo secolo

1000px-Flag_of_the_United_Kingdom_(3-5).svg  download (1)

 

Un nuovo museo è in costruzione a Berlino e dovrebbe aprire nel 2019, non lontano dall’isola dei musei. L’Humboldt Forum sarà il nuovo edificio che ospiterà il museo etnologico, il museo di arte asiatica così come un museo di Berlino e ciò che è chiamato Humboldt-Labor dell’Università Humboldt di Berlino. La costruzione è ancora in corso, le prime esposizioni sono in allestimento nel museo e i visitatori possono farsi le loro prime impressioni nella Humboldt-Box, un’esibizione temporanea che parla della storia del palazzo e consente una vista panoramica della città ed un’occhiata ai lavori da una terrazza e un ristorante sul tetto. Continue reading “Humboldt Forum: una storia coloniale nel 21esimo secolo”

Un Carnevale delle culture

download (1)2000px-Flag_of_the_United_Kingdom.svg

 

 

A Berlino non si festeggia il Carnevale, o perlomeno non quando lo fanno gli altri. A ridosso del mercoledì delle ceneri la città è sorprendentemente tranquilla, niente caramelle, niente cravatte tagliate in occasione della Weiberfastnacht, il Carnevale delle donne, come avviene in altre parti della Germania e del mondo. Per questo a Berlino c’è il fine settimana di Pentecoste: il Carnevale delle culture (Karneval der Kulturen) è una festa di strada che da oltre vent’anni costituisce un evento pacifico a favore della multiculturalità, si vuole celebrare la diversità e lo si fa in maniera colorata e rumorosa. Continue reading “Un Carnevale delle culture”

Libertà al rogo

Il 10 maggio 1933 erano ormai circa cinque mesi che Hitler era al potere. Dopo una rapida sequenza di crisi di governo era infatti stato nominato dal presidente della Repubblica Paul von Hindenburg Primo ministro, poiché a capo del partito di maggioranza relativa; successivamente il partito neonazista ottenne il 44% dei voti alle elezioni di marzo, permettendogli di governare da solo.  Continue reading “Libertà al rogo”