Tag: Africa

Dall’apartheid alla nazione arcobaleno, cosa ne è oggi del Sudafrica?

280px-Flag_of_France.svg

 

 

“Il Sud Africa appartiene a tutti coloro che ci vivono, che siano bianchi o neri, e nessun governo può giustificare la sua autorità senza tenere in conto la volontà del popolo”. Tale disposizione è stabilita dalla Carta della libertà, firmata a Kliptown nel 1955 dall’African National Congress (ANC) e dal South African Communist Party (SACP). Questa carta, adottata in risposta alla politica dell’apartheid imposta a partire dal 1948, è simbolica ed il suo contenuto, all’epoca, è totalmente illusorio: la sua adozione, d’altronde, porta all’arresto di numerosi oppositori al regime dell’apartheid. Continue reading “Dall’apartheid alla nazione arcobaleno, cosa ne è oggi del Sudafrica?”

On the roofs, on the vulcanos, on the ocean: Cabo Verde’s tourism at a crucial turning point.

280px-Flag_of_France.svgita

 

 

Hearing about Cabo Verde is kind of unusual, and you probably even never heard about it, knowing that it is a small country, as its most famous national Cesaria Evora used to describe it, in french, in her 1995 hit: “Petit Pays”.

Continue reading “On the roofs, on the vulcanos, on the ocean: Cabo Verde’s tourism at a crucial turning point.”

L’eredità delle vecchie colonie

Quando la Francia calcistica si concesse un grande exploit con le vittorie in fila del Mondiale nel ’98 (in casa) ed Europeo ’00, entrambe con squadre fortemente multietniche, tutti sembrarono dimenticarsi del passato coloniale del paese e degli attriti sociali. Zinedine Zidane la notte della finale del ’98 poté vedere la sua faccia proiettata sull’arco di trionfo di Parigi; un algerino su quello che è forse il simbolo più rappresentativo della grandeur francese. L’idillio però dura poco. Continue reading “L’eredità delle vecchie colonie”

Venti di guerra dall’Africa centrale

Manifestazioni pacifiche represse nel sangue, un presidente che si rifiuta di abbandonare il potere nonostante sia giunta la fine del suo mandato – contribuendo in maniera preponderante alla crescita dell’instabilità e dei disordini politici e sociali – scontri etnici tra gruppi rivali che sconquassano il Nord del Paese e indefinibili interessi economici che aleggiano sulle riserve minerarie di cui è pieno il territorio: queste sono solo alcune delle quantomeno preoccupanti cartoline che ci giungono dalla Repubblica Democratica del Congo, che sta vivendo una delle crisi peggiori degli ultimi anni di Storia del continente africano. Continue reading “Venti di guerra dall’Africa centrale”

La surreale Africa di Flaiano

Uscito nel 1947 e vincitore della prima edizione del Premio Strega, Il tempo di uccidere di Ennio Flaiano risulta un unicum nella produzione dello scrittore e giornalista abruzzese. Nello stesso anno in cui uscivano importanti testi di ispirazione neorealista, come Il compagno di Pavese o Il sentiero dei nidi di ragno di Calvino, Flaiano si propone con un romanzo che egli stesso definisce “una storia assolutamente fantastica, tanto fantastica che non la immaginavo in Italia, ma in Africa, nell’Africa di Erodoto e di Solino“: lo sfondo è quello della campagna di Etiopia del 1936 – alla quale lo stesso Flaiano prese parte – ma la realtà storica si propone come un simbolo di una visione fantastica e surreale, narrata dal punto di vista di un io-narrante davvero poco affidabile, attraverso l’analisi di una vicenda psicologica dominata dall’errore e dalla fatalità.

Continue reading “La surreale Africa di Flaiano”