Categoria: Poesia

Suti

2000px-Flag_of_Portugal.svg
Mi hai insegnato a vedere,
a scagliare lo sguardo oltremare.
Mi hai insegnato a sentire,
ad accarezzare l’esistenza
esternando ciascuna emozione .
Mi hai insegnato a leggere,
a sfogliare le persone
come fossero pagine bianche.
Alla fine ti sei ridotto ad un niente,
disseminato nell’aria, libero e solo,
ti ho visto camminare lentamente,
con un volto di bronzo e gli occhi di un colore solo,
colmi di nulla.
Alla fine dinnanzi a un mondo indifferente
non sei riuscito a sopportare ciò che ti ha sostenuto ,
il peso imminente
di vedere, di sentire e di leggere,
come se non avessi mai vissuto.

Suti

280px-Flag_of_Italy.svg

Ensinaste-me a ver,
a olhar além-mar.
Ensinaste-me a sentir,
a apreciar a existência sem engolir as emoções.
Ensinaste-me a ler,
a admirar as pessoas como se fossem um mapa sem indicações,
sem ruas o sem um sentido.
No fim reduziste-te em ar livre, sozinho ,
a caminhar com cara de bronze e olhos cheios de nada.
No fim, perante um mundo indiferente
não conseguiste aguentar
o ver, o sentir e o ler,
como se nunca tivesses vivido.

Teresa Lo Greco

Golfo

Nel mediano del Golfo che divide
In due discendenti lingue di terra
Dal mio petto le braccia ti cingono,
creatura dall’indole di mare

E nel farlo, divento un tutt’uno
alla città fusa all’Elemento,
La calura dei corpi che fondono
Spegne il gelo portato dal vento.

Le inquiete paure per cui tremi,
Vanno via con le onde increspate
Su un mozzo a mollo con i remi,
In porto dopo le fredde nottate
Continue reading “Golfo”