Categoria: Letteratura

Sono io Fernando Pessoa?

Mi chiamo Fernando António Nogueira Pessoa. O meglio, questo è il mio nome all’anagrafe portoghese. È da sempre nella mia vita che parti di me si distaccano, rimanendo però dentro, come una serie di detonazioni che accadendo, lasciano così i resti conficcati nel mio petto. La prima volta accadde quando avevo sei anni:

Continue reading “Sono io Fernando Pessoa?”

Tra me e il mondo

Tra me e il mondo è un libro scritto da Ta-Nehisi Coates e pubblicato nel 2015. Scritto sotto forma di lettera al figlio, diviso in tre parti con pochissime pause all’interno, finisce per rivelarsi come un messaggio forte, un pezzo unico, un libro scritto tutto d’un fiato e che si legge alla stessa maniera. Continue reading “Tra me e il mondo”

San Isidro Futból: Messico, calcio e cocaina

In un minuscolo villaggio di nome San Isidro, al confine tra gli stati messicani di Oxaca, Puebla e Veracruz, si svolge la sentitissima e agguerrita partita contro i rivali della Pizpireta. L’aria è infuocata e tesa: volano insulti e oggetti nel campo; quelli del San Isidro sembrano spacciati: il loro matador, Quintino, non ri regge in piedi: le sue energie sono infatti prosciugate da una notte d’amore con la bella Antonia, sua innamorata. Tutto sembra precipitare, quando lo stesso Quintino, cadendo su una linea laterale, si riprende e vince la partita da solo.
Magia? Niente, affatto: merito di un eccezionale fertilizzante di Alvaro Cristòbal, usato al posto della calce per delimitare il campo di gioco.
Ben presto però questo fertilizzante, raccolto dall’ignaro e ingenuo Alvaro da un misterioso aereo precipitato vicino al villaggio, risulta essere cocaina e la narrazione prende il via. Continue reading “San Isidro Futból: Messico, calcio e cocaina”

In difesa del “Se avrei”

Ieri sera mi sono ritrovato, come spesso mi accade, nell’insolubile dilemma riguardante l’argomento per l’articolo di oggi. Essendo l’ambientazione dei miei dubbi un pub, e avendo come spettatori del mio muto dissidio interiore un paio di amici, decido infine di esternare i miei pensieri per chiedere loro un parere: “Per domani mi piacerebbe parlare della questione di Bolsonaro e Battisti, ma non so se avrei la lucidità per farlo prima di un esame.”

Continue reading “In difesa del “Se avrei””

“Il lonfo” e la consapevolezza metalinguistica

Resa celebre dall’interpretazione di Gigi Proietti, Il lonfo è una poesia metasemantica di Fosco Maraini, la quale apre la raccolta Gnòsi delle fànfole (Baldini & Castoldi, 1994). Egli, uomo dall’immensa  e poliedrica cultura – etnologo, naturalista, linguista, fotografo, scrittore e poeta – teorizza e utilizza questa particolare tecnica letteraria e ci compone un libro di poemetti in endecasillabi. Continue reading ““Il lonfo” e la consapevolezza metalinguistica”