Categoria: Arte

Cuore di vetro o di marmo? All’origine di un’altra estetica

Scindere una branca dello Spirito all’altra non è solo inutile ma impossibile. Sembra, quando si parla con persone dalla mente a compartimenti stagni, di sentir parlare di scissione tra Anima e Corpo quando non v’è alcuna differenza tra le due sostanze se non nel termine: la differenza è solo un problema di energia, frequenza e vibrazione.

Continue reading “Cuore di vetro o di marmo? All’origine di un’altra estetica”

Potere, grazia e bellezza: Hagia Sophia e il ricordo di Bisanzio

L’Urbe nel Medioevo comincia a svuotarsi come un corpo in preda ad una emorragia. Palazzi e vie sono ormai casa di gufi e topi, la popolazione lascia interi quartieri. Il foro diventa Campo Vaccino in seguito alla desolazione causata dal mancato mantenimento della Cloaca Maxima. I resti della romanità sono usati dai principi e gli abitanti per costruire interi quartieri e case più a nord. Continue reading “Potere, grazia e bellezza: Hagia Sophia e il ricordo di Bisanzio”

Armonia portami via: l’architettura che riporta alle origini

Junichiro Tanizaki (1886-1965) ha fatto un bellissimo elogio delle case giapponesi, custodi della pace e della tranquillità. Tra i tanti esempi fatti, lui tratta dei tetti dalle gronde pesanti e curvilinee, che gettano un’ombra fortissima sui muri esterni e portano le stanze a non essere mai attraversate da una luce netta ma da carezzevoli sfumature. Continue reading “Armonia portami via: l’architettura che riporta alle origini”

Amore e morte secondo Van Dyck

L’arte moderna presenta un fattore importante per la sua comprensione: molto spesso è frutto di lavori per privati che volevano mantenere una dimensione esoterica nella fruizione delle opere. Si crea pertanto un sistema di comprensione, di assuefazione e rispetto per l’opera d’arte all’interno di un ambiente immateriale e piuttosto particolare, una sorta di camera dell’eco che è al contempo specchio e portale su una visione ed un messaggio.

Continue reading “Amore e morte secondo Van Dyck”