Non sgridare i bambini che canticchiano al buio

La quarantena si sta rivelando essere nel suo andamento simile a un programma televisivo in onda ogni mercoledì: ogni settimana un nuovo tema, con l’obiettivo di rendere sopportabile agli utenti una noia destinata però inevitabilmente ad aumentare costantemente. La settimana appena conclusa è stata quella della caccia all’untore, identificato nella persona dei runner. Premesso che chi, in barba alle ordinanze, continua a passeggiare e ad andare a correre è e rimane un criminale, oltre che un pericolo per se stesso e per gli altri (non solo per il contagio che può esserci direttamente mentre sta correndo, ma anche per il rischio d’infortuni che possono incorrere durante la corsa, che porterebbero a intasare i pronto soccorso e a deviare l’attenzione di personale medico che potrebbe essere meglio spesa), non è tuttavia razionale additare loro come motori del contagio che continua a imperversare e che sembra non essere ancora giunto al tanto atteso picco.

Non è tuttavia di loro che vorrei discutere in questo piccolo flusso di coscienza dovuto più al desiderio di far scorrere le dita sulla tastiera del computer per cercare di arginare lo stato di apatia che la quarantena sta portando con sé piuttosto che a una reale capacità di analisi da parte mia. I runner sono infatti la versione due punto zero dell’obiettivo verso cui convogliare il fastidio nei confronti di una situazione tremenda per la quale però non vi è assolutamente nulla da fare. Sono la versione antropomorfa dei graffi sui mobili lasciati dal gatto che non può catturare l’uccellino dall’altro lato della finestra o se si preferisce una metafora più squisitamente umana – più o meno ardita a seconda dell’opinione del lettore – sono la versione da quarantena degli evasori che vengono odiati da chi non evade non tanto per il disprezzo nei confronti di chi infrange la legge ma più che altro per la scorretta invidia indicibile anche a se stessi nei confronti di chi è abbastanza menefreghista da infrangerla, quella legge di cui sopra. Dal mio canto, preferendo in questo caso l’analisi pseudosociologica a quella pseudozoologica, mi ritrovo a pensare che per l’appunto buona parte dell’opinione pubblica da salotto social odi il runner non per il potenziale danno che sta facendo, ma perché vorrebbe farlo pure lui ma non se la sente per tutta una serie di ragioni, dalla più nobile alla più pratica.

Quando però chi andava a correre non era ancora considerato dalla legge un criminale era un altro il tema che accendeva il dibattito: quelli che in gergo da stadio romano sarebbero stati definiti tuttapposters, ovvero sia coloro che effettivamente erano convinti che il 3 aprile sarebbe tornato tutto alla normalità, che sarebbe andato #tuttobene e che nel frattempo cercavano di fare gruppo e morale riunendosi sui propri rispettivi terrazzi per applausi, canti, inni e altre attività ludiche. Su di loro e sui loro metodi vi è stata la prima spaccatura della quarantena: da un lato telegiornali e genitori su Facebook a esaltare la cosa come panacea di tutti i mali della reclusione, dall’altro lato chi ha additato il fenomeno come nel migliore dei casi infantile e nel peggiore dei casi cringe. Orbene, sono certo che un po’ tutti coloro che abbiano mantenuto di un minimo di lucidità si fossero resi conto della drammaticità della situazione, però pur crogiolandomi spesso io stesso nella mia versione in scala di torre d’avorio per una volta non me la sento di criticare chi – a tratti ingenuamente, a tratti anche con un pizzico d’ipocrisia, per carità – batte il ferro sul rassicurante “Andrà tutto bene”. Molti si sono ritrovati ad aspettare quell’orario ogni giorno come se avessero avuto un appuntamento romantico per aprire la finestra e mi sentirsi un po’ meno sola, sentirsi un po’ più forte, sentirsi abbracciati, seppur a distanza di sicurezza, perché per dieci minuti si può non pensare alla paura e sentirsi parte di una comunità più grande che si è ritrovata forzatamente spezzata in tante piccole monadi che non possono comunicare tra di lor se non telematicamente. Durante i canti per molti è stato palpabile quanto il problema fosse comune e la tensione collettiva; stonati, sgraziati, scapigliati, ma tutti con una forte necessità  di sentirsi accarezzati dalla voce altrui.

Il problema è globale. Se prima ci si poteva illudere di fuggire dall’Italia per trovare un posto migliore all’estero, il virus ha scoperchiato il vaso di Pandora: non esistono santuari, tutto il mondo è paese, rigorosamente al collasso. Della malattia del sistema, e non parlo di malattia dovuta a un virus, eravamo tutti consapevoli, e più volte anche in queste pagine ce ne siamo lamentati. Con la consapevolezza che il mondo non è in pausa, che questa non è una parentesi che una volta chiusa consegnerà una società identica a quella di prima dell’apertura, abbiamo ora l’opportunità e la necessità di riflettere: noi chi saremo? Chi diventeremo?

Nessuno di noi sa quando ne usciremo, nessuno di noi sa come ne usciremo, e questo spaventa, è normale. Siamo come condannati agli arresti domiciliari con un “fine pena boh”; con la differenza però che chi sta ai domiciliari non deve chiedersi come sarà il mondo quando potrà uscire di nuovo di casa, perché già lo sa; e non deve temere per la propria vita, o quella dei propri cari. Può sembrare strano che tra i vespri mondani della quarantena ci si sia trasformati in “un paese di musichette mentre fuori c’è la morte” ma bisogna guardare non solo il quadro complessivo, ma anche il dettaglio dei personaggi sullo sfondo: siamo tutti come bambini al buio che canticchiano un motivetto familiare per scacciare la paura e sentirsi meno soli; è io, questa volta, non me la sento di sgridarli.

Paolo Palladino

3 commenti

Rispondi a Cinicamente Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: