São Vicente

2000px-Flag_of_Portugal.svg

Come l’acqua
che liberandosi dalle onde
scivola via tra le pietre nere
di un  bagnasciuga ardente,
anche il dolore,
l’amaro
se ne va,
come se qualcuno,
un qualcosa di  inaspettato
volesse dimostrare
che è giunta l’ora
di guardare oltre il mare,
di non aver più paura
di udire solo il suono dell’oceano
dentro lo spirito,
dentro le cose,
dentro le anime senza sonno.

Ero dinnanzi alla potenza di questa
natura impertinente,
in compagnia di
un personaggio sconosciuto,
che scriveva senza sosta
brandelli di  sensazioni libere.
Questa identità non ancora identificata
era un ‘anima che sentiva di sentire,
percepiva emozioni lontane ascoltando da vicino.
Avvertiva il battito del manto ondoso,
che schiumando non voleva fermarsi.

Ma la figura ignota in questione
non riusciva a vedere
il suo essere,
il suo stare in mezzo
al reale.
In verità questa
caricatura sconosciuta,
che ascolta e sente,
sono io.
Le mie anime che
osano parlare tra di loro
su tutto o su niente,
sull’immersione
di un silenzio già noto,
riempiendo le pietre nere,
che istintivamente
avvertono  il mio scrivere
come complici di vita.

Teresa Lo Greco

One comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: