Se per ogni volta che ti penso

Se per ogni volta che ti penso
nascesse una stella
non mi spaventerebbe più il buio della notte,
ma saremmo tutti arrostiti:
se nel solo sistema solare ne sorgessero seimila
il sole non sarebbe più solo,
ma noi staremmo più stretti.

Se per ogni volta che ti penso
cadesse una goccia
scomparirebbe in toto la sete in Africa,
ma saremmo tutti affogati:
i mari sarebbero oceani, i laghi mari,
le mie lacrime laghi,
e morirei per te facendo il morto a galla.

Se per ogni volta che ti penso
scrivessi un verso
avrei già dato alle stampe sessanta raccolte
ma mi sanguinerebbero le mani:
stilando trascorrerei ogni istante della mia esistenza
e non passerei più un esame,
sebbene insignito di sedici lauree honoris causa.

Se per ogni volta che ti penso
cantasse un passero
non sentirei più il silenzio della solitudine,
ma saremmo tutti sordi:
il cielo scosso da suoni come tuoni,
ogni riposo squarciato da suadenti stridii,
cosicché il nervosismo sarebbe sovrano.

Perché come sai
ti penso spesso
ma pensarti
non mi fa stare bene.

Paolo Palladino

Post simili

Retrospettiva Un'ora di treno, Torno a casa Penso A cos'è stato. La tua mano Mi ha sfiorato E lo serbo Come memoria felice, Un solco scavato. Ho l'impressione Infim...
Danza macabra Appurata l’impossibilità di prevederne la partenza il problema principale ora è provare a continuare a danzare. Io non so com’è, ma so come la percepi...
Non conosco Arriverà un giorno in cui Ia scanalatura delle generazioni Porterà nella tomba L'ultimo uomo, l'ultima donna Garanti di queste sensazioni; Ed è per vo...

One thought on “Se per ogni volta che ti penso”

Rispondi