The last Gasp

Nella lingua inglese si utilizza l’espressione “the last gasp” quando una determinata situazione volge al termine oppure riferita ad un disperato tentativo finale. 

Nel calcio ciò si può applicare parlando di un gol allo scadere, oppure riferito a un allenatore prossimo a concludere la sua esperienza con la squadra. Ed è proprio questa seconda possibilità che, nel 2011, portò Giampiero Gasperini a essere vittima di uno spiacevole gioco di parole.

Infatti, nel 2011 l’attuale allenatore dell’Atalanta era finalmente arrivato a sedersi sulla panchina di una grande del calcio italiano, dopo le ottime stagioni al Genoa: l’Inter.

Il mercato estivo vide partire Eto’o e Pandev, sostituiti dall’arrivo di Forlán e di Zarate che si aggiungevano agli acquisti di Alvarez, Poli e Jonathan.

Gasperini iniziò la preparazione estiva con una rosa incompleta, a causa della Coppa America in corso in Argentina, che ritardò l’assimilazione, da parte della squadra, dei suoi schemi. 

La volontà di Gasperini era quella di portare la sua difesa a 3 anche a Milano, ma dovette scontrarsi con le perplessità dei tifosi e del presidente Moratti stesso, che dichiarò pubblicamente di preferire uno schieramento difensivo a 4.

Queste premesse non proprio idilliache portarono la squadra a perdere la prima partita stagionale, ovvero la Supercoppa Italiana giocata il 6 Agosto in Cina e persa per 2-1 contro i rivali del Milan. Non bastò infatti la perla su punizione di Sneijder nel primo tempo, resa vana dalle reti di Ibrahimovic e Boateng nella ripresa.

Con la prima giornata di campionato che slittava, causa sciopero dei calciatori, si dovette aspettare l’11 settembre per vedere l’esordio in campionato dell’Inter, impegnata in trasferta a Palermo. Il risultato fu uno spettacolare 4-3 per i rosanero che rimontarono per ben due volte lo svantaggio per poi vincere la partita nei minuti finali.

A quella sconfitta ne seguì un’altra ancora più clamorosa, questa volta in Champions League, contro i turchi del Trabzonspor che si imposero per 0 a 1 a San Siro. 

La partita successiva fu già decisiva per Gasperini, che in caso di sconfitta con la Roma sarebbe stato a rischio esonero. Ciò non avvenne poiché la partita fini 0-0 e rimandò il tutto al turno successivo.

Ed è proprio qui che si incominciò a parlare di “last Gasp” con l’allenatore dei nerazzurri costretto a vincere per salvare la panchina.

Così alla Stadio Silvio Piola di Novara contro i neopromossi piemontesi guidati da Attilio Tesser, il 20 Settembre 2011 l’inter si gioca il tutto per tutto schierando un super offensivo 3-4-3. 

L’atteggiamento dell’Inter non sembra essere dei migliori e rischia di subire gol già nei primissimi minuti con Meggiorini prima e Rigoni poi. 

Gol che arriva al 38° con Meggiorini che, imbeccato bene da Mazzarani, fulmina col sinistro Julio Cesar. 

La squadra milanese prova a reagire ma le idee sono poche e confuse, a differenza di quelle del Novara che ogni volta che attacca per vie centrali crea pericoli alla porta nerazzurra. Pericoli che trovano la loro naturale conseguenza all’86° quando Ranocchia stende in area di rigore Mazzarani: rosso diretto e calcio di rigore trasformato da Rigoni. Proprio quando sembra tutto finito però Cambiasso, sfruttando un rimpallo, riapre il match. Gol che alla fine avrà la solita utilità di illudere i tifosi nerazzurri che perdono ogni speranza al minuto 91 grazie alla rete del definitivo 3-1 firmata ancora da Rigoni.

Nelle ore successive arrivò la conferma dell’esonero di Gasperini, che concluse la sua esperienza con 4 sconfitte e un pareggio in 5 partite, diventando così l’unico tecnico della storia del club neroazzuro a non aver mai vinto una partita. 

Enrico Izzo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: