Ho in gola un abbandono

Ho in gola un abbandono

di verbi non urlati, di lingue consumate, di voci rauche dentro il petto gonfio di vento – incastro di fiato nella bocca.  Mi è rimasto un gesto sulle dita, negato da un tremore e reso miele sulla pelle – collante di due corpi. Ho scordato il sale sulle pareti delle mie vene, vie di fuga per l’ Incerto che tengo sotto la clavicola – dentro una costola. Ignoro se la mia assenza combacia con la tua resa – se il mio sale disinfetta il tuo sangue.

Unica salvezza è la Chimera rimasta in bilico tra l’astratto e la materia – tra essenza e apparenza – ed è questa l’unica forma di amore che conosco.

Cecilia Calistri

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: