Ho in gola un abbandono

Ho in gola un abbandono

di verbi non urlati, di lingue consumate, di voci rauche dentro il petto gonfio di vento – incastro di fiato nella bocca.  Mi è rimasto un gesto sulle dita, negato da un tremore e reso miele sulla pelle – collante di due corpi. Ho scordato il sale sulle pareti delle mie vene, vie di fuga per l’ Incerto che tengo sotto la clavicola – dentro una costola. Ignoro se la mia assenza combacia con la tua resa – se il mio sale disinfetta il tuo sangue.

Unica salvezza è la Chimera rimasta in bilico tra l’astratto e la materia – tra essenza e apparenza – ed è questa l’unica forma di amore che conosco.

Cecilia Calistri

Post simili

Come despota e schiavo Ero quel bicchiere di plastica Lasciato solo Contro il vento, E tu quel goccio d'acqua Che bilancia E lo fa rimanere erto. Non ho ossa davanti al cuor...
A mia madre Per tre mesi il suono delle sirene ha scandito la tua vita. Mi tenevi la mano mentre le bombe cadevano sulla città, stringendomi mi cantavi ninne nann...
Circolo vizioso Anni per sopravvivere al mistero che non ti so dire che non sapresti prendere. Mani intorno al collo come  circoli viziosi plasmati da dita fameliche....

Rispondi