Signor G

Nella prospettiva dell’attesa
Della laurea e nell’impresa
Di avere una coerenza
Al bancone con la IPA
C’è Giuliano che mi aggiorna sulla tipa
Col vestito e di come stava senza
Anche lei senza coerenza.

Cantavamo le canzoni, cantautori
Vecchi e nuovi in riproduzione casuale
Durante il nostro andare a disturbare
I residenti,i turisti e chi lavora
Ad un orario illegale.

“Hai bevuto, hai fumato?
Non mi sembri in condizione”
Ma è una condizione
Mio malgrado necessaria
Per riuscire a sopportare
un altro giorno perfetto
E per darmi l’aspetto da poeta maledetto.

E quel sangue sul letto sospetto
Sia il frutto della sera prima
Le serate con l’alcol che non sbagliano mai
Brindando alla goccia a quel poco che hai
Le serate con l’alcol che non sbagliano mai
Brindando alla goccia a quel troppo che hai.

Matteo Caruso

Post simili

Danza macabra Appurata l’impossibilità di prevederne la partenza il problema principale ora è provare a continuare a danzare. Io non so com’è, ma so come la percepi...
Sono mancanza Sono mancanza, difetto di un tempo da fuggitiva. Correndo da rifugi abbandonati ti trovai ombra di ragazzo latitante, unico superstite alla mia fuga...
Sono bufera oggi Gioco con il vento su nuvole di estasi. Rimango in equilibrio effimero nell’ oscillare tra cielo e terra. Nostalgica di campi  fecondi, soddisfo quest...

Rispondi