Er Dottor Strano

Doctor Strange è un film del 2016 diretto da Scott Derrickson. Il fatto che io vi stia facendo la recensione di un film uscito ormai quasi tre anni or sono fa crollare ogni velleità di serietà, ergo scriverò con i piedi sulla scrivania e con un qual certo pressappochismo.

Er film inizia a Katmandu, dove Hannibal Lecter che qua se fa chiama’ Chessilius (Wikipedia, non ce prova’: nun ce credo che se scrive Kaecilius) e ‘n po’ de scagnozzi sua imboccano in una biblioteca e dimostrano co’ ‘na certa arroganza che pe’ fa’ er bibliotecario nun serve avecce la testa sulle spalle. So’ pure educati, eh, perché prima de sciabbolallo come ‘na boccia de spumante mettono pure la bacinella sotto pe’ raccoje la capoccia, ar che io pensavo je servisse pe’ quarche rito, e ‘nvece no, è pe’ bellezza. Boh, magari se la magna, vabbè. Comunque, tutto ‘sto macello è pe’ rubbasse du’ pagine da ‘n libro, er che me fa veni’ da di’ ar borsista che ogni vorta fa lo scazzato quando pijo i libri in prestito ‘n facoltà de fa poco er matto, che è n’attimo che uno pija ispirazione. ‘Sti libri so’ proibiti perché so’ dell’Antico, che poi è ‘na specie de sorella brutta der capo degli X-Man. Ovviamente alla zucca pelata je sale la primavera araba e l’insegue dentro a ‘na specie de gita a ‘na mostra de Escher da strafatti de LSD. Ne accoppa ‘n paro, ma Chessilius riesce comunque a scappa’, pure perché sennò er firm era già finito.

Finarmente incontramo Stephen Strange (oh, ma guarda ‘n po’, ‘n personaggio della Marvel che c’ha la stessa iniziale pe’ nome e cognome, nun capita mai…), er migliore der mondo come neurochirurgo  e armeno sur podio pe’ l’esse stronzi. Pure se non è che me sarei aspettato niente de diverso da Sherlock Holmes, eh. In quella che pare esse ‘na pubblicità progresso fatta male (quindi ‘na pubblicità progresso normale) fa un botto clamoroso co’ la machina pe’ scrive ‘n SMS. Lo raccorgono cor cucchiaino e co’ ‘n po’ de colla vinilica e ‘n impalcatura de fero che pare quella dei lavori de ristrutturazione der Colosseo je rimettono insieme i cocci. Ovviamente lui mica ringrazia, ma anzi se ‘ncazza pure perché mo’ nun je funzionano più le mani. Dopo ave’ scazzato all’ex fidanzata nonché collega Christine, scopre dar fisioterapista –  sempre dopo aveje scazzato, è regolare – che ce sta ‘n tizio che stava più sfonnato de lui ma che ‘nse sa come mo’ riesce a cammina’, manco fosse ‘n terzino daa Roma. Questo je racconta de ‘n posto ‘ndo s’è curato ‘o spirito, ‘na specie de Scientology ar curry: Kamar-Taj.

Stefano Strano pija e parte pe’ ‘r Nepal, senza manco ave’ capito che doveva cerca’, e se mette a chiede aa gente. È regolare che tempo dieci minuti je fanno la chiusa dentro a ‘n vicolo pe’ rubbaje pure le mutande, ma viene sarvato da quello de 12 Anni Schiavo che pista tutti come l’uva e lo fa ‘mbocca’ dall’Antico, tanto mica je serve ‘n po’ de selezione pe’ fa vede’ alla gente che esiste ‘a magia, ma no, ma che ce frega, famo ‘mbocca’ tutti. Strano continua a fa’ ‘o stronzo e Zucca Pelata rosica ‘n po’, giusto quanto basta pe’ staccaje l’anima dar corpo e faje fa’ ‘n giro ner multiverso, che sarà mai, tanto.

Strano comincia a studia’ dai libri daa biblioteca, mo’ gestita da ‘n cinese che sarà pure made in China però lui la testa ce l’ha, e scopre che ‘a Terra è protetta da tre santuari e che esiste ‘n occhio che te fa appari’ ‘n bracciale verde fluo ‘ntorno ar braccio manco fossi a ‘na serata ‘n discoteca nell’anni settanta e te fa modifica’ er tempo (così poi torna’ nell’anni settanta a balla’, tutto torna). Ovviamente Er China Town e 12 Anni Schiavo je sbroccano, ma tanto lui fa come cazzo je pare.

Ner frattempo Chessilius è riuscito a decifrà quee pagine, manco fossero ‘na ricetta der medico, e je spuntano du’ occhiaie che ponno quasi quasi (ma dico quasi) compete chee mie quanno preparavo diritto privato. Manco stesse a gioca’ a Yu-Gi-Oh, evoca Dormammu, che dar nome pare tipo er cugino ritardato de Doraemon ma che poi dalla faccia pare più ‘o zio ‘ncazzato de Groot. Questo vor di’ na sola cosa: mo’ so ufficialmente cazzi.

Annamo avanti veloce, mo’ che avemo scoperto che cor tempo ce poi gioca’ come cor pongo: tempo du’ minuti e Chessilius sbraga er santuario de Londra e quello de New York dopo ave’ fatto a botte co’ er Dottor Strano, che trova ‘n mantello che fa quello che cazzo je pare ancora peggio de lui, arrivano 12 Anni Schiavo e Zucca pelata, parte ‘n artra scena de trip, Hannibal come er peggio ‘nfame fa’ la soffiata che pure quaa specie de cosplayer magico de Emma Bonino sfrutta Dormammu pe’ non mori’ de vecchiaia e poi la pugnala facenno passa’ ‘a lama naa schiena de ‘n tizio dei sua co’ n’ giochetto de prestigio che manco er mago Casanova dei tempi d’oro.

Da qui in poi nun vado avanti, perché già v’ho detto ‘na cifra de cose e pure se stamo più vicini all’uscita der secondo rispetto a quella der primo magari ce sta ancora chi nun l’ha visto. Tanto ‘o sapete già quello che succede nei film daa Marvel da ‘sto punto in poi: botte, botte, botte, botte. So’ sempre belle da vede’.

Paolo Palladino

                                                                             

Post simili

Chiamami col tuo nome ovvero il trionfo del lezios... Quando si tratta di recensire dei film nominati agli Oscar si è sempre in tempo. Per questo ci si è voluti soffermare sull’ultimo film di Guadagnino, ...
Il verdetto di Richard Eyre: un regalo per la Thom... Uscito il 18 ottobre nelle nostre sale ed ispirato al romanzo di Ian McEwan La ballata di Adam Henry, l’ultimo film di Richard Eyre risulta essere cos...
Chi ha ucciso Hannah Baker? Avvertenza: contiene spoiler e motivi di odio nei miei confronti per i fan della serie. Netflix conferma di seguire l'esempio tracciato da René Fer...

Rispondi