Ansimante

Nel bosco fitto che ho
Negli occhi e nel cuore
Soffia tra i rami un vento
Ansante che piega le chiome
In una frondosa morsa.

Le fragili foglie
Sul punto di strapparsi
Collimano con quelle
Di un albero vicino
Rincarando sul sibilio
Una melodia d’altra natura,
Ed Il vago inquieto
Sul duplice
Sovrapposto respiro
Diviene una sensibile paura.

Dal molliccio
ed umido terreno
Un fiore trema
Coi suoi petali
Fino al gracile stelo,
Posto nello spazio
Tra le querce
dove il sole
Suole passare,
Ora
È oppresso dall’ombra
Che lo priva del cielo.

Manuel Torre


Post simili

Lamento sulla tomba di Keats Tanto immensamente hai amato e tanto intensamente hai scritto quando le tue spoglie mortali calpestavano ancora la terra che ora calpesta loro. I ver...
Sirene Usai la marea come bussola, il marinaio come Luna. Scelsi la roccia più fertile dove spargere del sale. Naufragai su una terra maledetta, la travolsi ...
Fantasmi Conversazioni prestabilite, già scritte su un foglio inesistente dettate da persone che somigliano a fantasmi vuote ed impalpabili scorre la loro vita...

Rispondi