I lumi nella valle

Sibila la siepe, scossa
Dall’apatico arieggare
Della notte, abbacinata
Dal satellite di latte;
Un abbaio rompe la
Quiete.

Oltre essa siede la valle,
Coltre nera, pelle del tacito
Colle dove si perdono le gialle
Stelle, dove il cuore si spaura
E trema, senza trovar mai
Quiete.

Qui restano soltanto la fede
E i lumi, che ardono nei muti
Alberghi, agli arditi e
Ignari pionieri dell’Ignoto,
Dove regna l’eterna
Quiete.

Danilo Iannelli



Immagine in evidenza: L’isola dei morti (seconda versione, 1880), Arnold Böcklin

Post simili

Residui di un aprile Residui di un aprile Per chi marzo va a cambiare Con le consultazioni, Per chi cui non importa Si lascia fuori porta Ad altre distrazioni. Periodi di...
Golfo Nel mediano del Golfo che divide In due discendenti lingue di terra Dal mio petto le braccia ti cingono, creatura dall'indole di mare E nel farlo, d...
Ah come fuggi signor! Tic-tac! Corrono le lancette ritmiche, rette: oh! come fuggi signor! Tic-toc! E rifletto, rimesto, rovisto, ma oh! come vola il signor! Tac-tic! E r...

Rispondi