Suti

2000px-Flag_of_Portugal.svg
Mi hai insegnato a vedere,
a scagliare lo sguardo oltremare.
Mi hai insegnato a sentire,
ad accarezzare l’esistenza
esternando ciascuna emozione .
Mi hai insegnato a leggere,
a sfogliare le persone
come fossero pagine bianche.
Alla fine ti sei ridotto ad un niente,
disseminato nell’aria, libero e solo,
ti ho visto camminare lentamente,
con un volto di bronzo e gli occhi di un colore solo,
colmi di nulla.
Alla fine dinnanzi a un mondo indifferente
non sei riuscito a sopportare ciò che ti ha sostenuto ,
il peso imminente
di vedere, di sentire e di leggere,
come se non avessi mai vissuto.

Post simili

Padre Nostro Come in un confessionale mi metto in ginocchio accanto a te per scontare il mio peccato originale. Liberami Papà, da questo sporco che macchia la pel...
Inverno del mondo L’inverno del mondo non era accogliente: s’assaporava la menta per celare amarezza, la freschezza far finta che sia novità. Nevicava ogni giorno e n...
Il locale irlandese Fra sette anni, il vecchio amico del liceo avrà il secondo figlio e la ragazza della cotta avuta verso il terzo starà brindando al suo posto fisso. F...

Rispondi