Retrospettiva

Un’ora di treno,
Torno a casa
Penso
A cos’è stato.
La tua mano
Mi ha sfiorato
E lo serbo
Come memoria felice,
Un solco scavato.
Ho l’impressione
Infima di aver ricevuto
Poco da raccontare
Dalla vita,
E quando vivo un momento
Io già ricordo,
Già immagino
Come sarà
Quando sarò lontano
Lo scorrere delle tue dita.
Non ho schermi
Tra il pensiero che agisce
O che sta subendo,
E la memoria che richiede
In una peritura retrospettiva
Immagini da assimilare,
Un’osmosi di passato
Presente e futuro
Costituisce il mio tempo,
Proiettato sempre
Verso qualcosa che non so,
Tu mi fermi a vivere
Facendomi dimenticare
Di ricordare.

Manuel Torre

Post simili

Pretesa Oscillo in verticale Tra abissi e firmamenti, Vortici di pressioni E rarefatti turbinii. Voglio scoprire E soverchiare superfici, Entrare nelle cre...
Sabotage Cresciuta con l’illusione di essere rotta, aspetti invano qualcuno che possa ripararti. Cerchi di capire chi sei inseguendo il tuo riflesso in occhi ...
Un attimo di pausa Ho staccato gli occhi dal libro, Ed è come attraversare cento portali Insediati in infinite dimensioni, Legati tra loro da tunnel tempestati Di fulgid...

Rispondi