Recensione: CIRCE di Madeline Miller (2018)

download (1)2000px-Flag_of_the_United_Kingdom.svg

 

L’arte dell’antichità greca è ancora rilevante oggi? Ogni pezzo di arte, determinata una data precisa, sarà eventualmente valutato dalle società postume e molto probabilmente considerato “obsoleto” e “irrilevante”. Domande come questa sono state poste molte volte, e mentre lo storico valore di quei pezzi è innegabile, la posizione di tale arte nella società potrebbe vacillare. Madeline Miller, autrice del romanzo best-seller The Song of Achilles, ha risposto a questa domanda con un altisonante due volte ora. Dopo il suo successo con The Song of Achilles, ha scritto un secondo romanzo che esplora una fazione dell’epica di Omero: Circe, che è destinato ad essere di successo come il suo primo.

Madeline Miller ha conseguito entrambe le sue lauree triennale e magistrale in Lettere classiche alla Brown University, e ha una lunga storia di insegnamento di greco e latino nei licei. Ha inoltre studiato come adattare i lavori classici alla società moderna. Da studentessa classica, si occupa di descrivere entrambi sensazione e tono dell’epica dell’Antica Grecia ma contemporaneamente rende la sua trama incredibilmente rilevante nella nostra società. Le sfumature nei suoi scritti catturano l’interesse dei lettori e si relazionano al moderno discorso sui diritti e l’identità mentre mantengono ancora un’impostazione antica autentica.

Il primo romanzo della Miller, The Song of Achilles, è stato un immenso successo e ha vinto nel 2012 l’Orange Prize per il romanzo, che è ora chiamato Women Prize, il romanzo stesso è diventato un bestseller quasi immediatamente. Miller esplora le più sottili sfumature dell’Iliade di Omero, soprattutto la molto discussa natura del rapporto tra Achille e Patroclo, e racconta una storia con così tanta profondità e forza che ogni lettore ne sarà immediatamente attratto.

Senza bisogno di dirlo, l’eccitazione per il suo secondo romanzo è stata enorme. Circe è semplicemente seducente come The Song of Achilles, la stessa energia acchiappa il lettore una volta che prende il libro ed è davvero difficile posarlo di nuovo. Circe narra la storia della maga Circe, conosciuta dalla mitologia greca e ovviamente, dall’Odissea di Omero, una figlia del dio del sole, Elio. Sebbene pensata per essere ordinaria nell’apparenza e nella mente, Circe finalmente scopre i suoi poteri e viene cacciata dalla casa di Elio ed esiliata su un’isola remota, Aiaia. Lì studia i suoi poteri e bada a sé stessa, ma alla fine viene rigettata nel mondo, che è difficile e spietato, soprattutto per una donna da sola. Confrontata con l’uomo e con la furia divina, impara a proteggere sé stessa e quelli intorno a lei, ma è anche forzata ad assicurarsi il suo posto nel mondo.

L’inebriante stile di scrittura della Miller da solo renderebbe questo libro un bestseller, ma la sua stupefacente abilità a scrivere ogni personaggio come vivido e reale il più possibile crea un’atmosfera ancora più da togliere il fiato. Considerato che Omero ha dedicato solo davvero poco spazio a Circe e alla sua storia, Miller si occupa di trsformare quelle poche righe in un avvincente romanzo che è così rilevante e importante per le questioni moderne, soprattutto il femminismo, che quasi ferisce. Sebbene si relazioni notevolmente con i problemi moderni, Miller tuttavia mantiene il tono brutale e chiuso dell’Antica Grecia, che rende l’esperienza della lettura surreale ma allettante. Circe è il perfetto esempio di come le antiche e le nuove idee e concetti possono lavorare insieme tranquillamente se sono composte dalla giusta persona, e come la letteratura classica sia ancora rilevante, soprattutto quando è presentata nel giusto modo. Ognuno potrà godersi Circe, non importa l’età, il sesso o l’educazione.

Lea Hüntemann
Traduzione di Martina Moscogiuri

Post simili

“Ebbrezza della debolezza”: un elogio ... Fino a qualche anno fa non avrei mai pensato di poter scrivere nero su bianco riguardo la leggerezza e la pesantezza e sicuramente non avrei mai pensa...
“Tempi duri per i romantici” Troppo spesso, leggendo un libro, capita che non si legga il prologo. Per pigrizia, abitudine oppure impazienza di iniziare la storia, inconsciamente ...
Giovannino, il fanciullino perduto Edita già nella prima edizione dei Canti di Castelvecchio del 1903, Giovannino esprime a pieno il tema del fanciullino pascoliano. In queste sei sesti...

2 thoughts on “Recensione: CIRCE di Madeline Miller (2018)”

Rispondi