Non sentite

Non sentite il dolore del tempo
E una supplica morirebbe in silenzio
Mentre perdete il colore della vita
Mentre inconsapevolmente tornate
Colpevoli di indifferenza, inumani
Divorando avidamente istanti
Rubati ad altre esistenze svenduti
Dietro le vetrine delle vostre illusioni.

Lorenzo Pironi

Post simili

Residui di un aprile Residui di un aprile Per chi marzo va a cambiare Con le consultazioni, Per chi cui non importa Si lascia fuori porta Ad altre distrazioni. Periodi di...
Per una barista valenciana Dal tuo bancone che servi Caduca felicità ai clienti, Tra grumi di ubriachi impervi Con in mano il vassoio degli argenti Ma i tuoi occhi son la mia s...
A mia madre Per tre mesi il suono delle sirene ha scandito la tua vita. Mi tenevi la mano mentre le bombe cadevano sulla città, stringendomi mi cantavi ninne nann...

Rispondi