Crepuscolo d’autunno
Cielo manicheo
La luce lentamente s’arrende
Al blu della notte
E le foglie morte, immobili
Come l’aria, immota
Scossa solo da automobili
Che corrono a casa

Crepuscolo d’autunno
Che poi son sinonimi
La vita finisce
S’accartoccia come foglia secca
Anonimi visi
Di sensi più ottusi
Che corrono a casa

Crepuscolo d’autunno
Adesso è notte
Anche le ombre son affogate
Ormai morte
In questo sordo e orrido blu
E cammino da solo
Sempre più ottuso
E penso alle giornate
Sempre più corte
E al ricordo lontano
Di chi ormai non c’è più

Danilo Iannelli

 

Post simili

Dove volano gli ornitorinchi Se un giorno non potremo più guardarci negli occhi ci rincontreremo là dove volano gli ornitorinchi. Non dirmi che non possono farlo se ci riesce anch...
Il lago di Walden Il lago di Walden si esprime in un verde smeraldo, comunica con ghiaccio che scricchiola entusiasmo. Versi scritti su fogli di pensieri alla rinfusa, ...
Residui di un aprile Residui di un aprile Per chi marzo va a cambiare Con le consultazioni, Per chi cui non importa Si lascia fuori porta Ad altre distrazioni. Periodi di...

Rispondi