L’eterna primavera di mia madre

Ricordo ogni tuo gesto e parola
svegliarci per non andare a scuola
“c’è la neve!” dicevi – e amorevolmente
ci sorridevi.Hai sempre lottato
Per te per noi
hai mai avuto paura?
Anche nei momenti bui
eri luce, e lo sei ancora.
Non c’è stato troppo spazio
per una lacrima
sul tuo viso.
Eppure, non è stato facile
ma ci hai insegnato l’amore
e mai solo a parole
i tuoi gesti e i tuoi sorrisi
da sempre ci hanno uniti
e quando ti guardo
ti adoro e ti abbraccio.
Siamo il nostro passato
l’amore presente
e il fiore futuro.

Martina Grujić B.

Post simili

Amore d’autunno Quando i capelli Foglie gialle e secche Radi cadranno Quando la pelle Corteccia di quercia Avvizzirà rugosa Quando le ossa Rami adunchi Scricchioler...
La disillusione Macchine 'mpazzite, facce sgangherate Che s'arincorono su 'st'incrocio d'umanità Perduta: e je tocca paga' le rate Ché so' schiavi dâ vanità. Io mî g...
M. Tu che di me difendi le maree. Anneghi e risorgi dalle mie acque. Tramuto in base al tuo tocco, onda dopo onda, come fossi tua ninfa – come fossi tua...

Rispondi