Il ritorno di Sabrina Spellman

Tra il Febbraio 1692 e il Marzo 1693 vennero tenuti a Salem (Massachusetts) una serie di processi e atti che portarono alla morte di 19 persone dietro l’accusa di stregoneria. La società dell’epoca subiva una forte influenza puritana conservatrice. Non c’è dunque da stupirsi se questo periodo viene ricordato ancora oggi come uno dei più feroci e violenti della piccola cittadina. La caccia alle streghe fu alimentata da dei strani comportamenti che le ragazze del posto iniziarono ad assumere: bestemmie ed attacchi epilettici erano la testimonianza che le giovani erano state avvicinate da Satana.

b4c9937d-1db5-4826-b879-21b523720030-large16x9_1280x720_60429P00SFOYT

Non a caso proprio nel Massachusetts, 300 anni dopo vennero ambientate le avventure di una giovane strega, Sabrina.

La sua prima apparizione è datata 1962 in Archie’s Mad House, fumetto per adolescenti . Il suo successo non fu pianificato: se inizialmente doveva solo essere presente in un numero, gli autori decisero di renderla un personaggio stabile. Nel 1971 le fu dedicato un intero fumetto chiamato “Sabrina, The Teenage Witch” e la curiosità intorno a questo personaggio aumentò. Sabrina diventò famosa globalmente grazie all’omonima serie tv trasmessa dal 1996 al 2003. Adolescente cresciuta con le due zie Hilda e Zelda, scopre di essere metà strega e metà umana il giorno del suo sedicesimo compleanno. Il mondo di Sabrina si distanzia molto da quello di Harry Potter. Sabrina ama Britney Spears (la quale farà anche una apparizione nella serie), si veste alla moda e non deve sconfiggere Lord Voldemort.

Il protagonista indiscusso della sit-com rimane però Salem, stregone narcisista e sarcastico, trasformato in un gatto senza poteri.


20140225-shto-ni-se-sluchuva-koga-sme-vo-potraga-po-rabota-11

Ma perché “Sabrina, vita da Strega” è entrato a far parte della pop culture mondiale?

Carte vincenti sono state soprattutto le figure femminili. Prendendo come esempio le zie di Sabrina, nonostante le varie vicende sentimentali, riescono a dimostrarsi modelli di indipendenza da seguire. Le donne non parlano solo di ragazzi, ma anche di scienza, storia, famiglia e ovviamente magia. Bisogna inoltre notare che, a differenza delle serie tv odierne, la leggerezza tipica degli anni ‘90 rende questa storia un classico intramontabile.

Netflix, consapevole del successo e dell’affetto che i fans provano per il personaggio, rilascerà il 26 ottobre 2018 “Le Terrificanti Avventure di Sabrina Spellman”. La storia, ambientata all’inizio degli anni ‘60, vedrà la nostra strega preferita in una veste più dark, horror e molto lontana da quella degli anni novanta, dato che Netflix nel crearla si è ispirato al all’omonimo fumetto del 2014 e per nulla alla sit-com precedente. Solo il tempo saprà dirci se raggiungerà la stessa fama!

chilling-adventures-of-sabrina-il-poster-della-serie-maxw-644

Jovana Kuzman

Post simili

Peaky Blinders: il crimine in Gran Bretagna con gr... Immaginate i sobborghi industriali di Birmingham, i fumi dell’aria infestata dalla cenere, una banda di ragazzi come tanti ma con tanta voglia di deli...
3%: meritiamo davvero un mondo meritocratico? Quante volte di fronte a un’ingiustizia, o magari vittime di un pizzico di invidia per le fortune altrui, ci siamo appellati alla meritocrazia, parlan...
Cartolina da Venezia 75 La 75a Mostra Internazionale di Arte Cinematografica di Venezia è giunta al termine da diversi giorni, ma non sembra essersi affatto placata la veemen...

Rispondi