Sono mancanza

Sono mancanza, difetto di un tempo da fuggitiva.

Correndo da rifugi abbandonati ti trovai ombra di ragazzo latitante, unico superstite alla mia fuga. Clandestino del tuo tempo, mi parlasti col gergo del vizio – la tua redenzione. Devota al tuo tormento, attraversai la terra fatta di assenza, paese sordo il tuo cuore. Tramutasti in solitudine e non più fui tua alleata. Confuso stato di tutte le mie difese, ritrovai riparo sotto la mia diserzione – ritornai nella mia casa disabitata.

Ma io bugiarda, ti ho in voce senza farti cadere nel verbo.

Cecilia Calistri

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: