Sono mancanza

Sono mancanza, difetto di un tempo da fuggitiva.

Correndo da rifugi abbandonati ti trovai ombra di ragazzo latitante, unico superstite alla mia fuga. Clandestino del tuo tempo, mi parlasti col gergo del vizio – la tua redenzione. Devota al tuo tormento, attraversai la terra fatta di assenza, paese sordo il tuo cuore. Tramutasti in solitudine e non più fui tua alleata. Confuso stato di tutte le mie difese, ritrovai riparo sotto la mia diserzione – ritornai nella mia casa disabitata.

Ma io bugiarda, ti ho in voce senza farti cadere nel verbo.

Cecilia Calistri


Post simili

L’eterna primavera di mia madre Ricordo ogni tuo gesto e parola svegliarci per non andare a scuola “c’è la neve!” dicevi – e amorevolmente ci sorridevi.Hai sempre lottato Per te per ...
La mia testa è una conchiglia La mia testa è una conchiglia Sul fondale ora si appiglia Conserverà al suo interno Pensieri a guisa dell’inferno   La coscienza è un faro...
La fovea Il cristallino blu dell’Adriatico amatissimo, le riarse spighe al sole calante, l’intenso profumo della natia salsedine, la friabile roccia calcarea s...

Rispondi