Autopromozione senza vergogna per una causa più alta

2000px-Flag_of_the_United_Kingdom.svg

 

Allora, pochi giorni fa stavo provando a farmi un bel selfie ed è finita con 14 mie foto, finché non ho deciso che sembravo peggiore in ogni foto che seguiva e questo mi ha fatto pensare. Quanto terribile è il fatto che proviamo così tanto a tentare di sembrare belli in una foto che solitamente neanche finisce con l’essere simile a noi, così che riteniamo accettabile postarla sui social media. Perché? Beh, per impressionare le altre persone che crediamo siano migliori perché anche loro scattano 20 foto e postano quella perfetta, facendo credere allo stesso modo agli altri di essere semplicemente perfetti in quel modo.

Così mi è venuta in mente un’idea, di fare qualcosa a riguardo e ho iniziato una campagna su Instagram chiamata #dailybadselfie (il brutto selfie del giorno) dove ho fatto una promessa, di postare un selfie che altrimenti probabilmente non avrei mai postato perché non mi piaceva. Postare un selfie? Sai che roba. No, la campagna conterrà almeno un selfie al giorno, ogni giorno, per i prossimi 100 giorni. Questo significa almeno 100 foto di me che mi faranno più presto rabbrividire che sorridere. D’accordo, quindi l’obiettivo personale di questa campagna è di spingere me stesso un passo più lontano dalla mia zona di comfort, ma la causa più alta è di permettere che le persone si rilassino un po’. Spero di mostrare al mondo che non abbiamo bisogno di sembrare belli in una foto per sentirci bene con noi stessi. Perché le foto sono sono quello, foto. Non mostrano chi siamo, cosa proviamo e in cosa crediamo, mostrano solo cosa sembriamo in un singolo momento nel tempo. Abbiamo tutti bisogno di prendere un respiro, rilassarci e smettere di provare così tanto.

Ho realizzato che l’amor proprio è un vero problema oggi, perché ci sono così tante persone fuori da qui che tentano di essere qualcuno che non sono per impressionare quelli che credono siano “fighi”, così per tutti coloro che hanno dubitato se fossero belli abbastanza: “Tu sei, ora basta provare così tanto e sii te stesso”. So che questo è stato detto migliaia di volte, ma non c’è nessuno che può essere te meglio di te, quindi perché cavolo provi ad essere anche qualcun altro? Per favore, sii solo te stesso. Sii lo sciocco e divertente te stesso e se a qualcuno non piace, beh, questo non è realmente un tuo affare. Se non per qualche altra ragione, fallo per poter ispirare un’altra persona a credere in sé stesso. Questa è una causa meritevole, no?

Quindi qui c’è ciò che puoi fare. La campagna sta prendendo parte su Instagram e puoi vedere tutti i selfie sul profilo @thenejcoblak. Se vuoi essere parte della campagna, posta un selfie orribile di te stesso e usa l’hashtag #dailybadselfie. Se ti piacerebbe che io condividessi la tua foto, taggami e sarà mio grande piacere averti lungo questo viaggio.


Con amor (proprio),

Nejc Oblak

 

Post simili

La metageografia o il potere di ritagliare il mond...       Per comprendere ed interpretare il mondo nel quale viviamo e le relazioni tra i paesi che ne fanno parte, tutti noi ci ser...
Erasmus, istruzioni per l’uso La guida che vi serviva al momento giusto, o forse no. Ma lasciate che vi accompagni in Erasmus, prima durante e dopo, attraverso le parole di altri e...
1 Maggio Il 1 maggio è stata ratificata in Italia e in diversi altri paesi come la festa dei lavoratori, ma la sua peculiarità più affascinante risiede nelle s...

One thought on “Autopromozione senza vergogna per una causa più alta”

  1. Una volta mi sono fatta tipo 30 selfie allo specchio in una sera, poi mi hanno rubato il telefono, e non avevo nemmeno la password sulla schedina SD. Adesso la password ce l’ho, ma i selfie, per lo shock, non me li faccio più.

Rispondi a Lucy the Wombat Annulla risposta