Punto cavo

Il mio torso è un albero secco
Dove la paura bussa alla corteccia,
Come un picchio fa col suo becco,
Scava l’interno e mi fa breccia.

Qualcosa s’appropria dei miei sogni
Come gli usurai coi commercianti,
Che si fanno gentili a prestare i soldi
E se tardi son pronti a tagliar le mani. 

Sembrano ora danzare un intimo lento
– Questi sogni –
Come foglie a terra reduci dalla tempesta,
Penso che chi le ha mosse è un vento
Che ha voce soltanto nella mia testa.

L’eco vuoto al cui dentro si sente
Sito nell’aria passante le vertebre,
Se avesse un colore questo niente
Tingerebbe di nero a strisce di zebre.


Manuel Torre


Foto di Francesco Palumbo

Post simili

Inverno del mondo L’inverno del mondo non era accogliente: s’assaporava la menta per celare amarezza, la freschezza far finta che sia novità. Nevicava ogni giorno e n...
Sangue misto Sangue misto che scorri in Vena. Onda sanguigna che ottura le voragini della mia razionalità. Percorri il tuo santo pellegrinaggio fino alla Chiesa de...
Ah come fuggi signor! Tic-tac! Corrono le lancette ritmiche, rette: oh! come fuggi signor! Tic-toc! E rifletto, rimesto, rovisto, ma oh! come vola il signor! Tac-tic! E r...

Rispondi