Punto cavo

Il mio torso è un albero secco
Dove la paura bussa alla corteccia,
Come un picchio fa col suo becco,
Scava l’interno e mi fa breccia.

Qualcosa s’appropria dei miei sogni
Come gli usurai coi commercianti,
Che si fanno gentili a prestare i soldi
E se tardi son pronti a tagliar le mani. 

Sembrano ora danzare un intimo lento
– Questi sogni –
Come foglie a terra reduci dalla tempesta,
Penso che chi le ha mosse è un vento
Che ha voce soltanto nella mia testa.

L’eco vuoto al cui dentro si sente
Sito nell’aria passante le vertebre,
Se avesse un colore questo niente
Tingerebbe di nero a strisce di zebre.

Manuel Torre


Foto di Francesco Palumbo

Post simili

Suti Mi hai insegnato a vedere, a scagliare lo sguardo oltremare. Mi hai insegnato a sentire, ad accarezzare l'esistenza esternando ciascuna emozione . M...
L’eterna primavera di mia madre Ricordo ogni tuo gesto e parola svegliarci per non andare a scuola “c’è la neve!” dicevi – e amorevolmente ci sorridevi.Hai sempre lottato Per te per ...
Signor G Nella prospettiva dell'attesa Della laurea e nell'impresa Di avere una coerenza Al bancone con la IPA C'è Giuliano che mi aggiorna sulla tipa Col vest...

Rispondi