Nella giornata di ieri, nella sala dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite si sono riuniti i capi di stato e i rappresentanti diplomatici dei 193 membri dell’organizzazione per il Sustainable Development Summit. I Sustainable Development Goals consistono in 17 obiettivi stabiliti dalle Nazioni Unite nel 2015 che mirano ad affrontare e contrastare alcune delle più grandi problematiche del mondo, tra cui il cambiamento climatico, la povertà, la fame, e migliorare la cooperazione, la crescita, i diritti umani, e la giustizia internazionale.

America is governed by Americans. We reject the ideology of globalism, and we embrace the doctrine of patriotism.”

Obiettivo n°17: Cooperazione Globale per gli obiettivi dell’Agenda, dalla collaborazione istituzionale al commercio. Gli Stati Uniti hanno annunciato una pesante tassazione su 200 miliardi di dollari di importazioni cinesi il 24 settembre, dopo aver avuto reazioni e dibattiti con il governo del Canada per dazi sulle importazioni dello stesso lo scorso giugno.

In recognition of every sovereign state to determine its own capital, I moved the U.S. Embassy in Israel to Jerusalem.”

Il 20 settembre 2018 l’esercito israeliano apre il fuoco ed uccide un manifestante palestinese di 15 anni. Da marzo sono 184 i manifestanti palestinesi uccisi durante delle marce di protesta contro il governo di Israele. Il governo degli Stati Uniti ha deciso di cessare la raccolta fondi a favore dei rifugiati palestinesi ritirando circa 200 milioni di dollari dal fondo USAid, di cui la maggior parte andavano di supporto a Gaza aiutando migliaia di persone, ponendo critiche sul ruolo dell’Agenzia delle Nazioni Unite per il supporto ai rifugiati palestinesi (UNRWA).

We’ve started the construction of a major border wall, and we have greatly strengthened border security.”

Obiettivo n°10.7: cooperazione internazionale per assicurare e facilitare la sicura, ordinata e regolare migrazione globale tramite il progetto Global Compact on Migration (GCM) di cui si dibatterà il 10 e l’11 dicembre 2018. Il 19 settembre 2016 i Capi di Stato e di Governo si sono riuniti all’interno dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite per discutere per la prima volta a livello globale la questione dei rifugiati e dei migranti all’interno del quadro del GCM. Nella nuova Dichiarazione sui Rifugiati di New York si stabilisce di assicurare sicurezza e proteggere la dignità e le libertà fondamentali di tutti i migranti e contrastare la xenofobia, il razzismo, e la discriminazione contro i migranti

We withdrew from the Human Rights Council, and we will not return until real reform is enacted.”

Il Consiglio dei Diritti Umani delle Nazioni Unite è un organo governativo, creato nel 2006 con sede a Ginevra, che ha lo scopo di promuovere e rafforzare i diritti umani a livello globale e indirizzare soluzioni e raccomandazioni sulle violazioni degli stessi. Tutti i membri delle Nazioni Unite prendono parte al Consiglio.

The United States will provide no support in recognition to the International Criminal Court. As far as America is concerned, the ICC has no jurisdiction, no legitimacy, and no authority.”

Obiettivo n°16: Pace, Giustizia, e Istituzioni Rilevanti, promuovendo pacifiche ed inclusive società per lo sviluppo sostenibile, assicurando l’accesso ai sistemi di giustizia per tutti e instituendo strutture responsabili e solide.

Gli Stati Uniti hanno annunciato il 12 ottobre 2017 la loro uscita dall’ UNESCO, l’organizzazione delle Nazioni Unite per l’educazione, la scienza, e la cultura.

Obiettivo n°4: assicurare inclusiva e parimenti qualitativa istruzioni e promuovere possibilità di apprendimento nel lungo termine.

Gli Stati Uniti hanno annunciato il primo giugno 2017 la loro uscita dall’accordo di Parigi del 2015 sul cambiamento climatico.

Obiettivo n°13: prendere urgenti provvedimenti sul cambiamento climatico e il suo impatto.

Possiamo immaginare il Presidente degli Stati Uniti con un fucile a canna doppia, comprata in uno qualsiasi centro commerciale statunitense, pazientemente puntare e mirare a tutti i 17 goals delle Nazioni Unite, pronto a fare fuoco con un colpo alla volta.

Più che obiettivi per lo sviluppo sostenibile sembrano bersagli per il tiro al piattello.

Nella giornata di ieri, nella sala dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite si sono riuniti i Capi di Stato e i rappresentanti diplomatici del 193 membri dell’organizzazione.

Donald Trump è uno di quelli.

Trump è uno di quelli dal 9 novembre 2016, quando è stato eletto Presidente degli Stati Uniti d’America dalla minoranza degli elettori statunitensi. Si avvicinano ora le elezioni di metà mandato e le sue future decisioni politiche saranno dettate molto dalla possibile vittoria dei Repubblicani o da quella dei Democratici. Obama Care, accordi di Parigi, UNESCO, il muro, i migranti, i diritti umani.

Quando il Presidente ha annunciato nel suo discorso che la sua amministrazione è stata quella che ha assicurato la più grande crescita economica dell’America ci sono state risate generali nell’aula. Il Presidente, ridendo, ha detto che non si aspettava una simile reazione “but that’s okay”.

Noi non ci aspettavamo tante cose.

Amen.

Matteo Caruso


Sitografia:

Rispondi