Scrivo di te

Scrivo di te
Mi chiederai
perché.
Bene, perché
È come se
Un giorno da niente
Ma senza pecche
Divien speciale,
Come le onde lente
Di notte al mare.
È naturale
Questo sentimento mio
Che sale, sale sale.
Di sogni riempivo
La testa
Come su di un’agenda,
Che traducevo
Per sentirmi vivo
Sotto la pioggia
Accovacciato in tenda.
E vuoi sapere
Il bello di tutto questo?
Il mio parere
È che ottengo emozioni
Senza dare mance e resto,
Fabbrico illusioni
Progetti nati dall’amplesso
Tra me e il buio pesto
Ma ai sognatori
Ciò che non riposa mai
Sono i loro cuori,
Sono certo che lo sai.
Scrivo di te
E penso che
mi citerai di idealismo,
Son colpevole giudice
Ma ora
ti immagino con me,
Ed il mondo è più bello
Di come l’abbia mai visto.

Post simili

Agosto Un alveare vuoto Abbandonato E roventi celle Vacanti, chiuse Senza vita Senza abitanti Spettrali viandanti Vagano invano Negli assolati meandri Di u...
Suti Ensinaste-me a ver, a olhar além-mar. Ensinaste-me a sentir, a apreciar a existência sem engolir as emoções. Ensinaste-me a ler, a admirar as pessoas...
Residui di un aprile Residui di un aprile Per chi marzo va a cambiare Con le consultazioni, Per chi cui non importa Si lascia fuori porta Ad altre distrazioni. Periodi di...

Rispondi