In nave

Come goccia di correttore sulla carta carbone
sospesa tra il petrolio del cielo
e l’inchiostro del mare
avanza insolente lo yang nello yin
condotto da impavidi uomini
noncuranti dei mostri ascendenti dagli abissi
dell’oceano e dell’anima,
mentre noi
marinai d’acqua stagnante
chiudiamo gli occhi nel buio della stanza
aspettando l’attracco a un pensiero sereno
dal quale gridare
“Terra!”

Ma non c’è rena nella pena:
nessuna immersione nella mente
laverà via la visione
apparsami sul ponte.
Nessuna scialuppa mi salverà:
non ti rivedrò mai più,
mia compagna di viaggio,
ma ancora il riflesso della luce
che ha digradato
le ombre di una notte
d’insonnia e incubi a occhi aperti.

Paolo Palladino

Post simili

Sabotage Cresciuta con l’illusione di essere rotta, aspetti invano qualcuno che possa ripararti. Cerchi di capire chi sei inseguendo il tuo riflesso in occhi ...
21 anni Perdonati, per tutte le volte che avresti voluto correre via, cantare o tenere qualcuno per mano, ma invece sei rimasta immobile e terrorizzata. P...
Prima che lo faccia tu Se quando mi parli non riesco a guardarti negli occhi, Non arrabbiarti, non ho smesso di ascoltarti È solo che mantenere il contatto visivo mi rende n...

One thought on “In nave”

  1. dal grano consunto
    dell’ultimo pane
    ritaglio frittelle
    e ricordo l’ultimo acido
    ingurgitato

    Rosario Rimbaud

Rispondi