In nave

Come goccia di correttore sulla carta carbone
sospesa tra il petrolio del cielo
e l’inchiostro del mare
avanza insolente lo yang nello yin
condotto da impavidi uomini
noncuranti dei mostri ascendenti dagli abissi
dell’oceano e dell’anima,
mentre noi
marinai d’acqua stagnante
chiudiamo gli occhi nel buio della stanza
aspettando l’attracco a un pensiero sereno
dal quale gridare
“Terra!”

Ma non c’è rena nella pena:
nessuna immersione nella mente
laverà via la visione
apparsami sul ponte.
Nessuna scialuppa mi salverà:
non ti rivedrò mai più,
mia compagna di viaggio,
ma ancora il riflesso della luce
che ha digradato
le ombre di una notte
d’insonnia e incubi a occhi aperti.

Paolo Palladino

Post simili

Blue Fragile dei suoi ma e perché guardando un cielo blu e un fondo di caffè cercando risposte per ciò che è già via sognando su versi di poesia su un arco...
Golfo Nel mediano del Golfo che divide In due discendenti lingue di terra Dal mio petto le braccia ti cingono, creatura dall'indole di mare E nel farlo, d...
Come despota e schiavo Ero quel bicchiere di plastica Lasciato solo Contro il vento, E tu quel goccio d'acqua Che bilancia E lo fa rimanere erto. Non ho ossa davanti al cuor...

One thought on “In nave”

  1. dal grano consunto
    dell’ultimo pane
    ritaglio frittelle
    e ricordo l’ultimo acido
    ingurgitato

    Rosario Rimbaud

Rispondi