Un autodistruttivo albero del diritto

Vengo da una mela di paese. Un paese che è bello e pittoresco, ma il cui interno è completamente marcio e divorato dai vermi. Le montagne sono alte, brulle e offrono una vista per la quale morire, mentre le foreste brulicano di vita e diversità. Il sistema, d’altra parte, è a pezzi e imbottito di persone a cui non importa affatto cosa, chi o dove [inserire qualsiasi verbo], purché possano assicurarsi un posto (qualsiasi posto) per il prossimo periodo. E’ come un divertente gioco musicale con le sedie, solo che questo sta rovinando il paese.

Comunque, scrivo quest’articolo con lo scopo di ispirare e offrire una soluzione che si dimostri valida per essere ascoltata in ogni sistema, sempre, e periodo.

Durante i miei anni universitari c’erano dei compagni che sarcasticamente chiamavamo Crociati della Giustizia. Persone che non avevano mai fatto nulla di significativo, ma continuavano a lamentarsi riguardo come dovesse essere il sistema e cosa i professori avrebbero dovuto o non dovuto fare. E’ lo stesso oggi con le persone che dichiarano che il capitalismo è un sistema dannoso per colpa di una cosa o dell’altra. Si lamentano riguardo cosa sia sbagliato invece di fare e usare le cose buone e lavorare. Va detta la verità, nel socialismo, nel capitalismo, nel comunismo, ecc. c’erano persone che andavano in bancarotta e persone che raggiungevano il successo. Quindi possiamo possibilmente accarezzare l’idea che potrebbe non essere il sistema ma le persone in esso ad essere il fattore chiave?

Sono d’accordo che la maggior parte dei membri leader della società sono completamente incapaci di usare il sistema per il bene pubblico, ma questo non significa che il pubblico debba soffrire. Non importa come sia un sistema e non importa come stia andando avanti, nessuno di questi fattori sigilla il nostro fato, se noi non decidiamo altrimenti.

E’ stato piuttosto presto che ho realizzato alcune delle mie colpe e deciso di prendere in mano il mio futuro, perché è sicuro che sia meglio qui che nelle mani di persone che dovrebbero prendersi cura di me.

Qui rido, perché sono inciampato su qualcosa che ho preso dalla società in cui sono cresciuto, che è una piccola sciocca convinzione che non ha mai fatto altro che ostacolarmi. Sto parlando della credenza che qualcuno si debba prendere cura di me. La verità è che nessuno ci deve nulla, ma ancora marciamo su questo falso senso di diritto. Se vuoi ottenere qualcosa nella vita, dovrai andare e prendertela, perché le persone che pensi dovrebbero farlo per te talvolta hanno tempi duri per prendersi cura di loro stessi.

Un esempio banale che è tristemente così comune solo oggi sono i fondi per le pensioni. Le persone danno una parte della loro paga ogni mese per la loro pensione, ma nonostante tutte le evidenze affermino il contrario, ancora credono che questo denaro sarà per le loro pensioni. In realtà è solo un tentativo senza successo di riempire un buco finanziario che sta, ironicamente, diventando sempre più grande. Immagina di voler riempire un buco scavandone un altro accanto e lanciando la terra del secondo buco nel primo con qualcuno che prende due terzi di terra da ogni palata che getti. Ma perché le persone si rifiutano di vedere ciò? Perché il denaro dovrebbe andare alle loro pensioni. La maggior parte delle persone non vuole accettare come il mondo è in realtà perché non dovrebbe essere in questo modo. Indovina un po’, non c’è alcun manuale su come il mondo dovrebbe girare.

Ciò che suggerisco è ciò che molte persone di successo stanno facendo. Guarda al mondo com’è e disegna il tuo sentiero sulla mappa del mondo, non su un’immaginaria mappa del tesoro che i tuoi nonni ti hanno lasciato nella loro mansarda del “il mondo di una volta”.

Attento! Prima di fare ciò, butta via la convinzione che tutte le persone di successo o ricche siano corrotte o solo negative. La maggior parte delle persone ricche e di successo sono buone e, fortunatamente, fanno più cose buone che cose cattive che invece le persone cattive fanno. “Ma Nejc, perché noi raramente sentiamo di queste persone?” potresti chiedere. Bene, perché il tuo quotidiano ha realizzato che la merda vende ed ha appena passato il punto di educazione e informazione per vendere più giornali che gli altri ragazzi, perché l’onesta verità è che la m*erda sicuramente vende.

Sì, sì, lo so, questo non è come dovrebbe essere. Quindi cosa hai intenzione di fare a riguardo? Essere parte del problema, che include persone che continuano a lamentarsi dal loro divano o protestare per le strade? O essere parte della soluzione, le persone che vedono che c’è un’uscita nella libertà individuale che non viene a costo del benessere dei nostri concittadini, ma piuttosto li ispira all’azione per la loro personale libertà.

La chiave è la responsabilità. Ogni cosa che ti accade è sotto il tuo controllo. Assumiti le responsabilità (non incolparti) per tutto ciò che nella tua vita sta appassendo perché lo stai facendo o perché stai lasciando che sia fatto a te. Avanza in questa posizione di potere perché solo con il potere puoi davvero iniziare a fare la differenza. Inizia con un semplice cambiamento di mente. In qualunque momento trovi te stesso a dire qualcosa come “Non posso fare niente riguardo ciò/Non posso permettermelo” gettalo via e chiediti “Cosa posso fare a riguardo?/Come posso permettermelo?”. Vedrai meraviglie accadere quando focalizzerai il tuo cervello in questa nuova produttiva direzione.

Non mi credi? Prova, ti sfido. Connettiti con me e dammi il tuo riscontro e condividi la tua storia.

Ricorda, scegliendo di essere debole non stai solo dando potere a qualche fattore esterno su di te, ma stai anche rinunciando alla possibilità di essere un’ispirazione per qualcun altro che potrebbe averne disperatamente bisogno.

E’ stato l’ormai defunto ma grande Jim Rohn, un uomo di ispirazione e dalla maestosa intuizione, che ha detto qualcosa di così profondamente semplice e acuto ancora critico: “Se non ti piace come le cose sono, cambiale. Tu non sei un albero.

Umilmente il tuo,

Nejc.

Traduzione di Martina Moscogiuri

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...