Per una barista valenciana

Dal tuo bancone che servi
Caduca felicità ai clienti,
Tra grumi di ubriachi impervi
Con in mano il vassoio degli argenti

Ma i tuoi occhi son la mia sbornia
Vera e propria come un vecchio amaro,
Bevendo con lo sguardo il cuore sogna
E brindo a te con un altro sorso avaro.

I tatuaggi su di te sono pura magia
E nel tuo volto hai quel che di felice
Coperti da un velo di sottile malinconia,
Come s’ erge su di un sorriso una cicatrice .

In questa piazza di iberico sapore
Sui banconi versi aqua de Valencia
Assieme qualcosa di simile all’amore
Nel cuore un sublime fermento empieza.

Manuel Torre

Post simili

Temporale Un braccio di ferro fra titani la loro danza armoniosa suona un’inquietante musica, chi vince resta fiero seduto agli alti piani precipita colui ch...
Padre Nostro Come in un confessionale mi metto in ginocchio accanto a te per scontare il mio peccato originale. Liberami Papà, da questo sporco che macchia la pel...
Fantasmi Conversazioni prestabilite, già scritte su un foglio inesistente dettate da persone che somigliano a fantasmi vuote ed impalpabili scorre la loro vita...

Rispondi