Per una barista valenciana

Dal tuo bancone che servi
Caduca felicità ai clienti,
Tra grumi di ubriachi impervi
Con in mano il vassoio degli argenti

Ma i tuoi occhi son la mia sbornia
Vera e propria come un vecchio amaro,
Bevendo con lo sguardo il cuore sogna
E brindo a te con un altro sorso avaro.

I tatuaggi su di te sono pura magia
E nel tuo volto hai quel che di felice
Coperti da un velo di sottile malinconia,
Come s’ erge su di un sorriso una cicatrice .

In questa piazza di iberico sapore
Sui banconi versi aqua de Valencia
Assieme qualcosa di simile all’amore
Nel cuore un sublime fermento empieza.


Manuel Torre

Post simili

Sangue misto Sangue misto che scorri in Vena. Onda sanguigna che ottura le voragini della mia razionalità. Percorri il tuo santo pellegrinaggio fino alla Chiesa de...
Sotterranea Eccola accumulata l'esistenza Nei vagoni oppressi e illuminati Sui volti che vorrebbero starsene Nella propria personale ombra.   Nel peggiore ...
Lettera Bambina, dove sei diretta? Scesa da un paradiso sfortunato porti il segreto più profondo tra dita di vento. Qual è la tua preghiera? Il tuo cielo san...

Rispondi