Un attimo di pausa

Ho staccato gli occhi dal libro,
Ed è come attraversare cento portali
Insediati in infinite dimensioni,
Legati tra loro da tunnel tempestati
Di fulgide saette durevoli millesimi
Di attimi.

Rinsavire è il dramma del sognatore.

Apprezzo la profondità umana
In momenti in cui la dimentico,
Dimentico ogni funzione naturale
E l’occhio
pare battere e respirare.
Sì perché in effetti l’immaginazione
Mi trascina tra le stelle
Con un casco d’astronauta;
Ed è per questo che le rotte celesti
Non sono altro che lo scivolo
Del mio intricato nervo ottico
Nel quale mi perdo, mi oblio
Muoio, rinasco
Gemo, mi rilasso
E Si fonde il molteplice del mio io.

Manuel Torre

Post simili

Soldatino di piombo Soldatino di piombo, combatti tutto ciò che non puoi controllare. Cerchi una risposta dove non c’è e ti affanni inseguendo qualche forma di verità....
Alla piantata in Nasso – una poesia labirint... Non so dirti di preciso quando ci sono entrato, mi sono trovato perso. Forse un tuo sguardo, un tuo cenno d'assenso, un tuo nulla che per me valse ogn...
L’eterna primavera di mia madre Ricordo ogni tuo gesto e parola svegliarci per non andare a scuola “c’è la neve!” dicevi – e amorevolmente ci sorridevi.Hai sempre lottato Per te per ...

Rispondi