Sirene

Usai la marea come bussola,
il marinaio come Luna.
Scelsi la roccia più fertile dove spargere del sale.
Naufragai su una terra maledetta,
la travolsi con l’acqua della discordia
per far nascere tempesta.
Non mi accorsi che era troppo tardi.
Non mi accorsi di esser mutata in schiuma,
di averti visto salpare.
In direzione contraria al  delirio del mio abisso,
scavalchi i miei occhi di mare.

Portami dentro una bottiglia mio capitano,
bevi l’ultimo granello di sale rimasto.
Sarò ricordo marino per la  tua gola.

Sarai ricordo terrestre per le mie onde.

Cecilia Calistri


 

Post simili

Residui di un aprile Residui di un aprile Per chi marzo va a cambiare Con le consultazioni, Per chi cui non importa Si lascia fuori porta Ad altre distrazioni. Periodi di...
Mai più tempesta Mi sforzo di ricordarti ma il tempo spazza via i dolori e a volte anche gli amori. Ricordo il tuo sguardo, mi guardavi come fossi la cosa più bella de...
Soldatino di piombo Soldatino di piombo, combatti tutto ciò che non puoi controllare. Cerchi una risposta dove non c’è e ti affanni inseguendo qualche forma di verità....

Rispondi