Ah come fuggi signor!

Tic-tac!
Corrono le lancette
ritmiche, rette:
oh! come fuggi signor!

Tic-toc!
E rifletto, rimesto, rovisto,
ma oh!
come vola il signor!

Tac-tic!
E riempio di fuffa
di 
nulla questo viaggio
Dalla culla alla tomba.

Drin-drin!
Ma ormai è tardi e
sogno, vegliardo
il perduto signor…

 

Danilo Iannelli

Post simili

Niente Mi chiedi di perdonarti, mentre guardandomi cerchi ancora briciole d’amore. Le tue mani, che poco tempo prima avevano toccato lei, cercano di avvic...
Come despota e schiavo Ero quel bicchiere di plastica Lasciato solo Contro il vento, E tu quel goccio d'acqua Che bilancia E lo fa rimanere erto. Non ho ossa davanti al cuor...
Residui di un aprile Residui di un aprile Per chi marzo va a cambiare Con le consultazioni, Per chi cui non importa Si lascia fuori porta Ad altre distrazioni. Periodi di...

Rispondi