Ah come fuggi signor!

Tic-tac!
Corrono le lancette
ritmiche, rette:
oh! come fuggi signor!

Tic-toc!
E rifletto, rimesto, rovisto,
ma oh!
come vola il signor!

Tac-tic!
E riempio di fuffa
di 
nulla questo viaggio
Dalla culla alla tomba.

Drin-drin!
Ma ormai è tardi e
sogno, vegliardo
il perduto signor…


 

Danilo Iannelli

Post simili

Amore d’autunno Quando i capelli Foglie gialle e secche Radi cadranno Quando la pelle Corteccia di quercia Avvizzirà rugosa Quando le ossa Rami adunchi Scricchioler...
L’eterna primavera di mia madre Ricordo ogni tuo gesto e parola svegliarci per non andare a scuola “c’è la neve!” dicevi – e amorevolmente ci sorridevi.Hai sempre lottato Per te per ...
Sono bufera oggi Gioco con il vento su nuvole di estasi. Rimango in equilibrio effimero nell’ oscillare tra cielo e terra. Nostalgica di campi  fecondi, soddisfo quest...

Rispondi