Non andare adesso via

Non andare adesso via
o finirò a soffrire
tra i freddi fumi fritti di una birreria
Tra le mie sboccate sbroccate barocche
Tra le stelle che so creare con le parole
che da lontano sono lucenti e splendenti
ma avvicinandoti hai scoperto essere
solo esplosioni ardenti e roventi.

Non andare adesso via
Senza te il silenzio
non è certo poesia.

Non andare adesso via
o mi fermerò a soffiare
tra le braci dei baci non dati
Tra i miei sciocchi scivoloni lascivi
Tra le milioni di lune argentate
che so ritagliare sui fogli di carta
ma che non brilleranno mai di luce propria
e hanno i bordi frastagliati e taglienti.

Paolo Palladino


Post simili

Scrivo di te Scrivo di te Mi chiederai perché. Bene, perché È come se Un giorno da niente Ma senza pecche Divien speciale, Come le onde lente Di notte al mare. È ...
Temporale Un braccio di ferro fra titani la loro danza armoniosa suona un’inquietante musica, chi vince resta fiero seduto agli alti piani precipita colui ch...
La disillusione Macchine 'mpazzite, facce sgangherate Che s'arincorono su 'st'incrocio d'umanità Perduta: e je tocca paga' le rate Ché so' schiavi dâ vanità. Io mî g...

Rispondi