Non andare adesso via

Non andare adesso via
o finirò a soffrire
tra i freddi fumi fritti di una birreria
Tra le mie sboccate sbroccate barocche
Tra le stelle che so creare con le parole
che da lontano sono lucenti e splendenti
ma avvicinandoti hai scoperto essere
solo esplosioni ardenti e roventi.

Non andare adesso via
Senza te il silenzio
non è certo poesia.

Non andare adesso via
o mi fermerò a soffiare
tra le braci dei baci non dati
Tra i miei sciocchi scivoloni lascivi
Tra le milioni di lune argentate
che so ritagliare sui fogli di carta
ma che non brilleranno mai di luce propria
e hanno i bordi frastagliati e taglienti.

Paolo Palladino


Post simili

Volto       Mi alzo e mi guardo allo specchio. Ciò che vedo lo conosci anche tu – occhi, naso, labbra, un sorriso che sa scaldare le anim...
Horacio Dormivamo nel profondo sonno leggeri, quando buttarono giù la porta: urla, ansia, terrore e sinistri pensieri, erano il temibile Tenente e la sua malv...
I cognomi strappati dai citofoni Mi rendono triste i cognomi strappati dai citofoni Ancora di più, quando un nuovo cartoncino Sovrasta i contorni di chi lo ha preceduto. Il lascito di...

Rispondi