A mia madre

Per tre mesi il suono delle sirene
ha scandito la tua vita.
Mi tenevi la mano
mentre le bombe cadevano sulla città,
stringendomi
mi cantavi ninne nanne
in una lingua di cui
ora so ben poco.

Venti anni in un paese straniero
hanno creato
calli sulle tue mani e rughe sul tuo viso,
e nel tuo desiderare
una vita migliore per me,
ti sei fatta forte in una realtà
che spesso ti ha considerata inferiore.

Nei giorni in cui credo che l’amore
non esista,
penso al tuo volto
e capisco cosa significhi
amare incondizionatamente.

foto in articolo.jpg

Jovana Kuzman


Post simili

Soldatino di piombo Soldatino di piombo, combatti tutto ciò che non puoi controllare. Cerchi una risposta dove non c’è e ti affanni inseguendo qualche forma di verità....
Nella stagione che unisce Potessi far scorrere ancora le tue ciocche corvine tra le mie dita si scioglierebbero tra le lacrime come brina nella stagione che unisce tutto quello...
Alla piantata in Nasso – una poesia labirint... Non so dirti di preciso quando ci sono entrato, mi sono trovato perso. Forse un tuo sguardo, un tuo cenno d'assenso, un tuo nulla che per me valse ogn...

One thought on “A mia madre”

Rispondi