Gioco con il vento su nuvole di estasi. Rimango in equilibrio effimero nell’ oscillare tra cielo e terra.
Nostalgica di campi  fecondi, soddisfo questa sete con pioggia acida – bagno ogni fiore con la mia violenza.
Incerto stato del mio Paradiso, muto con prepotenza il tuo Inferno.

Aspetto – aspetta

La vertigine di questo enigma- il luogo di arresa tra il volo e la caduta.

Cecilia Calistri

Post simili

M. Tu che di me difendi le maree. Anneghi e risorgi dalle mie acque. Tramuto in base al tuo tocco, onda dopo onda, come fossi tua ninfa – come fossi tua ...
Punto cavo Il mio torso è un albero secco Dove la paura bussa alla corteccia, Come un picchio fa col suo becco, Scava l'interno e mi fa breccia. Qualcosa s'appr...
Ansimante Nel bosco fitto che ho Negli occhi e nel cuore Soffia tra i rami un vento Ansante che piega le chiome In una frondosa morsa. Le fragili foglie Sul pu...

Rispondi