La disillusione

Macchine ‘mpazzite, facce sgangherate
Che s’arincorono su ‘st’incrocio d’umanità
Perduta: e je tocca paga’ le rate
Ché so’ schiavi dâ vanità.

Io mî guardo… E svagheggio!
C’ho l’asfarto su ‘e radici
e ve faccio ombra sur parcheggio
Però… Vô ‘nzeppo de cicatrici.

E nun m’aspetto gnente, manco n’accortezza:
So’ solo ‘n poro pino, mica ‘n ulivo
La disillusione sarà la mia fortezza:
Guardo, scrivo, rido. Vivo.

Danilo Iannelli

Post simili

La mia testa è una conchiglia La mia testa è una conchiglia Sul fondale ora si appiglia Conserverà al suo interno Pensieri a guisa dell’inferno   La coscienza è un faro...
Tenebre Mi crogiolo nella solitudine Mi avvolgo nella malinconia Mi cullo nella consapevolezza della tua eterna e incolmabile assenza Inesprimibile senso di ...
La puttana onesta De puttane oneste n’ho viste tante, ma questa c’aveva ‘n senso de purezza, che la Maria madre de Dio nun conosceva. Era portoricana sulla cinquanti...

Rispondi