Rami

Inquieto animo sottile,
dove riposa la terra che ti manca?

C’è qualcosa che non capisco di te
e dei tuoi rami condannati
a protendere sempre più disperatamente
verso un infinito stanco,
preso in affitto
e ancora da pagare.

È questa una solitudine sazia,
di un animale asservito
a una libertà che ha troppo rincorso
e che ora, in silenzio
lo addomestica.

Alessandro Marrazzo

 

Post simili

Circolo vizioso Anni per sopravvivere al mistero che non ti so dire che non sapresti prendere. Mani intorno al collo come  circoli viziosi plasmati da dita fameliche....
Alla piantata in Nasso – una poesia labirint... Non so dirti di preciso quando ci sono entrato, mi sono trovato perso. Forse un tuo sguardo, un tuo cenno d'assenso, un tuo nulla che per me valse ogn...
Prima che lo faccia tu Se quando mi parli non riesco a guardarti negli occhi, Non arrabbiarti, non ho smesso di ascoltarti È solo che mantenere il contatto visivo mi rende n...

Rispondi