Rami

Inquieto animo sottile,
dove riposa la terra che ti manca?

C’è qualcosa che non capisco di te
e dei tuoi rami condannati
a protendere sempre più disperatamente
verso un infinito stanco,
preso in affitto
e ancora da pagare.

È questa una solitudine sazia,
di un animale asservito
a una libertà che ha troppo rincorso
e che ora, in silenzio
lo addomestica.

Alessandro Marrazzo


 

Post simili

Non andare adesso via Non andare adesso via o finirò a soffrire tra i freddi fumi fritti di una birreria Tra le mie sboccate sbroccate barocche Tra le stelle che so creare ...
In nave Come goccia di correttore sulla carta carbone sospesa tra il petrolio del cielo e l’inchiostro del mare avanza insolente lo yang nello yin condotto da...
Lamento sulla tomba di Keats Tanto immensamente hai amato e tanto intensamente hai scritto quando le tue spoglie mortali calpestavano ancora la terra che ora calpesta loro. I ver...

Rispondi