Qui gatta Civati

Scrivevo appena una settimana fa nell’articolo “Un presidente estratto dal cappello“: «La monocorde voce di Mattarella annuncia: “E il prossimo Presidente del Consiglio dei ministri sarà… Pippo Civati!” Applausi, qualcuno sviene, fischi da ogni fazione politica, e intanto un brusio sommesso inizia a diffondersi da Bolzano a Lampedusa: “Ma chi è Pippo Civati?”»

Eh, chi è Pippo Civati?

Pippo Civati era una speranza e, se preferite, un’illusione. Fa parte del Partito Democratico fin dalla sua fondazione e dopo le dimissioni di Walter Veltroni nel 2009 risulta essere uno degli esponenti di punta dei “giovani” destinati a farsi promotori del ricambio generazionale nella sinistra italiana. Insomma, Civati sembra essere la risposta a una politica gerontocratica che funziona pressappoco come gli sci: se hanno i giusti agganci vanno bene anche dei vecchi scarponi.

Il suo ruolo di giovane rampante lo porta presto allo scontro decisivo con il “supergiovane” per eccellenza: si candida al ruolo di Segretario del PD nelle primarie del 2013 sfidando il già sconfitto Gianni Cuperlo e Matteo Renzi. Civati è sicuramente più a sinistra dell’ex sindaco di Firenze e in quanto tale perde in maniera barbina: riceve soltanto il 14,24% delle preferenze su 2.814.881 elettori del PD, contro il 18,21% di Cuperlo e l’acclamazione bulgara di Renzi (67, 55%!).

La sconfitta brucia sulla sua pelle e su quella dei suoi sostenitori (ben 14, eh): gli attriti con la direzione del Partito Democratico si fanno sempre più aspri, in particolar modo in seguito allo scippo del Governo da parte di Renzi nei confronti di Enrico Letta.

Il 6 maggio 2015, due giorni dopo il suo voto contrario alla riforma della legge elettorale, annuncia con ben poco clangore la sua uscita dal PD. Fonda così “Possibile”, che pare non essere una potenziale brutta copia del partito spagnolo “Podemos”, anche se noi non ne siamo molto sicuri.

Con la “Grande assemblea popolare” nazionale svoltasi il 3 dicembre scorso a Roma “Possibile” è confluito, assieme a MDP e Sinistra Italiana, nella lista unica “Liberi e Uguali”.

Nel momento della presentazione delle liste sorgono però i primi problemi, con Civati piuttosto irritato per la distribuzione delle candidature: «In nove regioni non ho neanche i candidati» spiega il segretario di “Possibile”. E c’è di più: dei suoi candidati appena tre sono eletti “sicuri” per la posizione che oocupano nelle liste e per gli sfidanti che andranno a incontrare nei rispettivi collegi. Tenetevi forte, perché il bello deve ancora venire: tra questi tre nomi, non c’è quello di Pippo Civati!

Correrà infatti nei collegi di Bergamo e Brescia, dove dovrà vedersela con uno di coloro che insieme a lui avrebbe potuto rappresentare la nuova leva del PD: Maurizio Martina, vicesegretario del Partito Democratico e Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali dei governi Renzi e Gentiloni. Non proprio l’ultimo degli arrivati, insomma.

Non è però detta ancora l’ultima parola per l’uomo che incarna la risposta politica al Benevento Calcio: io Ci credo, io Ci voto, io Civati.

Paolo Palladino

SITOGRAFIA:

http://www.repubblica.it/2009/02/sezioni/politica/partito-democratico-27/demarchis-giovani/demarchis-giovani.html?refresh_ce

https://web.archive.org/web/20140221043555/http://www.partitodemocratico.it/doc/263318/primarie-pd-2013-risultati-definitivi.htm

https://ilmanifesto.it/pd-e-leu-artiglieria-pesante-sulle-liste-mdp-si-sotto-assedio/

http://www.lastampa.it/2018/01/29/edizioni/milano/regione-lombardia-ecco-tutti-i-candidati-in-corsa-alla-camera-e-al-senato-ulSc9kQUmTt5aAFP5tjBwI/pagina.html

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...