Conversazioni prestabilite,
già scritte
su un foglio inesistente
dettate da persone
che somigliano a fantasmi
vuote ed impalpabili
scorre la loro vita
in una routine perenne
che riesci a tracciare con il dito
un elettrocardiogramma piatto,
morte ancora prima di esserlo,
ancora prima di saperlo.

Tentano di convincere tutti
che la monotonia
non sia poi così brutta
arredandola al meglio
per farla sembrare attraente
anche ad altri occhi
un tempo allergici
ad ambienti così sterili.

Mavi Massarin

Post simili

Punto cavo Il mio torso è un albero secco Dove la paura bussa alla corteccia, Come un picchio fa col suo becco, Scava l'interno e mi fa breccia. Qualcosa s'appr...
Nostalgia Un vento fischia di vita i panni stesi Che sembrano soffrire la morsa Opprimente delle mollette bianche, Mentre la finestra si ostina di rugiada Dal m...
I cognomi strappati dai citofoni Mi rendono triste i cognomi strappati dai citofoni Ancora di più, quando un nuovo cartoncino Sovrasta i contorni di chi lo ha preceduto. Il lascito di...

Rispondi