Padre Nostro

Come in un confessionale
mi metto in ginocchio accanto a te
per scontare il mio peccato originale.

Liberami Papà,
da questo sporco che macchia la pelle.
Puliscimi dai ricordi di bambina.
Scaccia l’uomo nero che abbracciò il mio corpo.

Infine,
vestimi di bianco
e conducimi verso Chi
non sono mai riuscita ad essere.

Cecilia Calistri

Post simili

M. Tu che di me difendi le maree. Anneghi e risorgi dalle mie acque. Tramuto in base al tuo tocco, onda dopo onda, come fossi tua ninfa – come fossi tua ...
Il lago di Walden Il lago di Walden si esprime in un verde smeraldo, comunica con ghiaccio che scricchiola entusiasmo. Versi scritti su fogli di pensieri alla rinfusa, ...
Piccoli desideri Come una campana che canta appena sfiorata, come una voce di uccelli vaganti, come una foglia, bella per un attimo prima di essere abbattuta dal vento...

Rispondi