La puttana onesta è tornata

Dovete sape’
che ‘a mignotta
è tornata,
co’ lei c’è ‘a madre
smandrappata.

‘St’ ultima c’ha
‘na settantina,
vecchia, storta
e piccolina.

‘N faccia c’ha
anni de esperienza.
A parla’ se appresta:
“Gioja, ‘n caffelatte corto,
ma de soja”.

La guardi co’ pena,
parla ‘n italiano
che è un brutto romano,
con l’accento pure
portoricano.


“Sor Angela me chiamo”
mi disse un giorno e rise.
Le sore mignotte
ce le avemo solo noi.
In via Berenice.

Giulia Mirimich

Post simili

La puttana onesta De puttane oneste n’ho viste tante, ma questa c’aveva ‘n senso de purezza, che la Maria madre de Dio nun conosceva. Era portoricana sulla cinquanti...

Rispondi