Universali amanti

Sono naufragata
nel mare lunare
gridando nella notte
ho spezzato un millenario
silenzio interstellare:
volevo invitare l’universo
a sfidare questo amore.

Ho visto la velocità della luce
annullata da frequenze cardiache,

distanze siderali percorse
solamente per avvicinarsi

e corpi che d’unione naturale
hanno generato l’esplosione
di mille supernove
per uscire intrecciati e più veri
dai buchi neri
della probabilità.


Ho conosciuto la materia oscura
attraversando i nostri mondi interiori,

ho illuminato l’immensità astrale
con il bagliore di ogni tuo sole

ed ho capito
che fra quattro mura
basta serrare le mani
per vincere la forza di gravità
e per mettere a tacere l’intero universo
la nostra magnetica necessarietà.

Gioia Toscani De Col

Post simili

Il lago di Walden Il lago di Walden si esprime in un verde smeraldo, comunica con ghiaccio che scricchiola entusiasmo. Versi scritti su fogli di pensieri alla rinfusa, ...
Un attimo di pausa Ho staccato gli occhi dal libro, Ed è come attraversare cento portali Insediati in infinite dimensioni, Legati tra loro da tunnel tempestati Di fulgid...
Vago Vago, albero di mare preso a cercare la mia linfa vitale distratto dal nero e dai cieli indecisi su come sfumare, su quale viso sfiorare così le r...

Rispondi