Il sogno infranto

Gli schiamazzi dei bambini, il vociare serpeggiante degli adulti, il vibrare di un’indistinta e anonima musica in sottofondo. Le luci alte, i colori sgargianti, le indispensabili merci luccicanti dietro tersissime vetrine.  Ovunque i visi e i corpi di artefatti e irraggiungibili modelli e modelle, impressi su gigantesche locandine, indicano a tutti, anche ai più piccini, quale sia la strada giusta da seguire nella vita.
In mezzo a questo confuso guazzabuglio di banconote umane, una vetrina sembra attirare particolarmente l’interesse dei piccoli centesimi di uomo: è uno sfavillante e luminosissimo negozio di giocattoli.
Un bimbo vestito modestamente, dalla carnagione ambrata, con i suoi profondi e vispi occhi ha puntato un giocattolo esposto in vetrina: sì, è proprio quello che a scuola tutti i suoi compagni hanno, quello che pubblicizzano senza sosta alla tivù; egli lo guarda, lo ammira, lo brama: appoggia le sue manine brune alla vetrina e, con il naso appoggiato al vetro freddo, cerca di avvicinarsi all’oggetto del suo desiderio.
Solo un vetro, uno stupido e trasparente vetro, lo separa dal suo nuovo gioco.
All’interno la chilometrica coda alla cassa va aumentando: le monetine frignano, schiamazzano, ululano e le banconote, pur di non starle a sentire, sono pronti ad accondiscendere a ogni loro richiesta.
Il moretto continua a mangiare con gli occhi il suo giocattolo: all’improvviso però una piccola, giovane e liscia mano di donna glielo porta via, consegnandolo nelle mani di una grassoccia e pallida monetina in coda alla cassa.
Egli resta lì, incollato alla vetrina, senza fiatare, guardando con impotenza il suo giocattolo che si allontana.
Un’altra mano, robusta, scura e ruvida solleva l’esile bimbo per il collo della sua maglietta e lo porta via con sé: restano soltanto, impresse sulla vetrina, le impronte delle sue bramose e innocenti manine brune.

Danilo Iannelli

Post simili

Le cosmitragiche Erano mesi che la dottoressa Hope Enheimer aveva ultimato la stesura della sua teoria e, finalmente, aveva trovato il coraggio di affrontare la commis...
La dama silenziosa La vide uscendo dal suo ufficio: era un giorno qualunque; un altro insignificante e grigio giorno che, per un uomo d'affari come lui, significava nien...
Mancanza Aveva appena concluso il suo discorso davanti a quelle persone. Aveva visto pochi occhi davvero attenti, altri molto scettici, altri ancora neppure in...

Rispondi