Toccandomi le viscere
riconosco la tua mano
che si poggia sul mio ventre.
E lo rende caldo.
E lo rende accogliente.

Ti porto a casa,
nella mia terra desolata,
nella mia terra accusata di siccità.
Ma tu mi piovi addosso.
E con te
i germogli
fioriscono.

Cecilia Calistri

Post simili

Un addio Come era bello tornare al nulla Era bello sognare e cedere poi Come corpi abbattuti al vento Sorgere per lasciarci cadere E sentire gli spasmi lenti d...
L’eterna primavera di mia madre Ricordo ogni tuo gesto e parola svegliarci per non andare a scuola “c’è la neve!” dicevi – e amorevolmente ci sorridevi.Hai sempre lottato Per te per ...
Tenebre Mi crogiolo nella solitudine Mi avvolgo nella malinconia Mi cullo nella consapevolezza della tua eterna e incolmabile assenza Inesprimibile senso di ...

Rispondi