Toccandomi le viscere
riconosco la tua mano
che si poggia sul mio ventre.
E lo rende caldo.
E lo rende accogliente.

Ti porto a casa,
nella mia terra desolata,
nella mia terra accusata di siccità.
Ma tu mi piovi addosso.
E con te
i germogli
fioriscono.

Cecilia Calistri

Rispondi