La puttana onesta

De puttane oneste
n’ho viste tante,
ma questa c’aveva ‘n senso
de purezza, che la Maria
madre de Dio
nun conosceva.

Era portoricana
sulla cinquantina,
‘a vecchia
sapeva er fatto suo.

Veniva a gioca’ ‘r lotto,
e poi, con fare smorto
te chiedeva:
“ ‘n caffè latte corto”.

Che è ‘n cappuccio poi:
ma co’ la vecchia puttana
onesta
nun se scherza.

Je fai er cappuccio
“E’ pronto”, vie’ n‘ cassa
e te fa pe’ paga’.
“ ‘n euro e dieci, grazie”.

Te guarda storto e
te dice:
“Er caffè latte corto
vie’ ‘n euro e quaranta
a via Berenice”.

Giulia Mirimich

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...