La puttana onesta

De puttane oneste
n’ho viste tante,
ma questa c’aveva ‘n senso
de purezza, che la Maria
madre de Dio
nun conosceva.

Era portoricana
sulla cinquantina,
‘a vecchia
sapeva er fatto suo.

Veniva a gioca’ ‘r lotto,
e poi, con fare smorto
te chiedeva:
“ ‘n caffè latte corto”.

Che è ‘n cappuccio poi:
ma co’ la vecchia puttana
onesta
nun se scherza.


Je fai er cappuccio
“E’ pronto”, vie’ n‘ cassa
e te fa pe’ paga’.
“ ‘n euro e dieci, grazie”.

Te guarda storto e
te dice:
“Er caffè latte corto
vie’ ‘n euro e quaranta
a via Berenice”.

Giulia Mirimich

 

Post simili

Non andare adesso via Non andare adesso via o finirò a soffrire tra i freddi fumi fritti di una birreria Tra le mie sboccate sbroccate barocche Tra le stelle che so creare ...
Pretesa Oscillo in verticale Tra abissi e firmamenti, Vortici di pressioni E rarefatti turbinii. Voglio scoprire E soverchiare superfici, Entrare nelle cre...
Cambi colore come vuole il vento Cambi colore come vuole il vento Nell’assurdo rincorrersi degli istanti Sei una vela di seta senza legami La leggerezza che non cede alla caduta. Sfio...

Rispondi