La puttana onesta

De puttane oneste
n’ho viste tante,
ma questa c’aveva ‘n senso
de purezza, che la Maria
madre de Dio
nun conosceva.

Era portoricana
sulla cinquantina,
‘a vecchia
sapeva er fatto suo.

Veniva a gioca’ ‘r lotto,
e poi, con fare smorto
te chiedeva:
“ ‘n caffè latte corto”.

Che è ‘n cappuccio poi:
ma co’ la vecchia puttana
onesta
nun se scherza.


Je fai er cappuccio
“E’ pronto”, vie’ n‘ cassa
e te fa pe’ paga’.
“ ‘n euro e dieci, grazie”.

Te guarda storto e
te dice:
“Er caffè latte corto
vie’ ‘n euro e quaranta
a via Berenice”.

Giulia Mirimich

 

Post simili

Punto cavo Il mio torso è un albero secco Dove la paura bussa alla corteccia, Come un picchio fa col suo becco, Scava l'interno e mi fa breccia. Qualcosa s'appr...
La fovea Il cristallino blu dell’Adriatico amatissimo, le riarse spighe al sole calante, l’intenso profumo della natia salsedine, la friabile roccia calcarea s...
Soliloquio di plenilunio Non riuscendo ad addormentarmi ho fatto prima ad andare a letto tardi rimanendo sveglio aspettando un segno piuttosto che disegnarti sul foglio di un ...

Rispondi