Ode alla sigaretta

Ode alla tua sigaretta,

fumata con calma

seduto al tavolo di un bar

di periferia.


Al sole,

alle nuvole bianche.

 

Ode al cielo,

ai pini più alti delle case,

agli alberi.

Ode al vento che fruscia

accarezzandoti il viso

ai tuoi giovani anni.

Ode alla tua pelle liscia

alla tua bocca rossa.

Lode alla tua vita,

all’amore infinito,

alla pace nel cuore

che ti augurerò sempre.

 

E lode alla mia anima

che ti dono come regalo

portato dal vento sul tuo viso,

sulla tua pelle e

sulla tua bocca.

 

Giulia Mirimich

Rispondi